BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Dic
23

« Libertà di pensiero giornalistico»


Leggendo su Facebook e su Twitter un messaggio di Franco Bechis : «e’ la seconda volta che mi capita in poco tempo ed e’ preoccupante. però consiglio a tutti il pezzo di Marco Travaglio di oggi» ; la curiosità e stata forte, anche perché sono due giornalisti agli antipodi come scuola di pensiero ; come direbbe il buon Niki sono : “” antropologicamente diversi.
Premesso che li seguo entrambi, a volte concordando o dissentendo dei loro articoli, ma il più delle volte ravvedo in loro una certa libertà di pensiero, per la quale merita leggere i loro articoli.
L’articolo in questione era : “Agenzia Sticazzi”, una dissertazione puntigliosa sui vari giornali in merito alla democrazia ed al governo Monti, essendo un semplice blogghettaro non mi perito d’esprimere critiche giornalistiche, ma mi punge vaghezza, che nel porre un soggetto o un oggetto di discussione vi sia sempre quella sottile acrimonia di un nemico latente.
Tornando all’articolo, si menava alla grande su quella povera ‘democrazia’ che il Presidente Napolitano aveva oltraggiato per dare il paese in mano ad un governo Monti ; ovviamente su questo tema ci sono differenti scuole di pensiero, ma mi sembrano tante seghe mentali.
Partendo dal postulato che il precedente governo ha fatto solo gli affari suoi e quella dei suoi sodali, di democrazia abbiamo solo visto che l’impunità la faceva da grande, la corruzione galoppava indomita, ed il resto del paese andava a ramengo ; per meglio dire era una paese di merda (patonza dixit).
A questo punto, visto che a livello mondiale non si godeva più di un briciolo di credibilità, visto che la crisi internazionale da anni nascosta era esplosa devastante, visto che i peones tra deputati e senatori cominciavano a dare segni d’insofferenza ; come un boxeur suonato a gettato la spugna.
Ergo la famosa democrazia è rimasta orfana di un governo, meritevole di tale nome, i bravi parassiti della ‘casta’ non avevano voluto o peggio evitato, di dare il via alle riforme ed alla manovra finanziaria, per salvaguardare il proprio orticello elettorale.
Oggi non abbiamo una democrazia sospesa, ma di una democrazia affidata ad un governo di salute pubblica, a tal riguardo meriterebbe leggere l’articolo di Massimo Cacciari su l’Espresso : “Se Monti resiste vince le elezioni”, si avrebbe un quadro più realistico del problema, senza pindarismi di parte.
Forse di dovrebbe sottolineare con maggior evidenza, la canea di detrattori che sino a qualche giorno fa gozzovigliavano al governo, la ridicolaggine di certi deputati e senatori che si ergono ad economisti e novelle ‘Pizie” del futuro italico.
Sarebbe bello che sui quotidiani cartacei od on line, si leggesse un articolo di spalla denominato proprio “Agenzia Sticazzi”, per riportarci le varie notizie ‘inutili’ che vanno dal gossip agli affari goderecci, almeno il povero lettore saprebbe che il resto sono cose importanti, depurate dalle fregnacce.
E sarebbe ancor più bello vedere un’intera pagina con titolo . “Figure di merda” foto e la notiziola a sostegno ; ma forse una pagina non basterebbe ci vorrebbe un elenco telefonico visti i personaggi attuali.
Sarebbe il caso di una riflessione : “Il politico pensa alle prossime elezioni. Lo statista alla prossima generazione” (A. De Gasperi), e l’unico statista che abbiamo che piaccia o meno è il nostro Presidente Napolitano.

OkNotizie

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*