BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Dic
16

« Perle politiche & sindacali »


Ieri alla camera, le twitterate di Andrea Sarubbi sulla lega ci hanno deliziato :
– Fischi dalla Lega. @gianfranco_fini : “Sono i pecorai che fischiano, non i deputati”. Proteste dei pecorai.
– Non tutti hanno il cabaret nel sangue. Paolini (Lega): ho detto signorini ma non ce l’avevo con Alfonso Signorini
– Pini (Lega) a @gianfranco_fini : “La sua arroganza non ha limiti, lei è un cialtrone”. Fini: “ogni botte dà il vino che ha!”
– Di Vizia (Lega) riesce ad attaccare gli immigrati volendo passare per buono.
– La leghista Goisis denuncia il problema dei suicidi degli imprenditori padani per colpa delle tasse.
– Il leghista Fugatti tira fuori il suo pacchetto e denuncia le nuove tasse sulle sigarette.
– Vanalli (Lega): D’Alema fortunato a vendere la barca prima dell’introduzione di una nuova tassa.
– Allasia (Lega): “La patria è dove ci si trova a proprio agio, dove c’è il proprio cuore”. Ué, si fa la legge sulla cittadinanza
– Il leghista Fava dà una notizia: “questo governo è opera del Sole 24 Ore”. E perché @simonespetia non è ministro?
– Il leghista Cavallotto se la prende con la percentuale di non vedenti al Sud, più alta che in Padania.
– Crosio (Lega) fa ironia in tedesco sulla Merkel. Non l’ho capita, ma speriamo bene.
Ormai possiamo stendere un velo pietoso sui cispadani, più di tanto non vanno, e il senti dire dallo sputacchiante e rutteggiante: «Se vedo Berlusconi mi metto a ridere»; la dice proprio tutta ma intanto due i deputati leghisti si dimettono per garantirsi il vitalizio immediatamente e non a 60 anni.
Poi, il bravo che c’azzecca, è un periodo di tempo che fa il pesce in barile, ad ogni intervista o talk show a cui presenzia, mai una risposta secca e decisa senza se e senza ma , ma sempre ondivaga, per non sbilanciarsi troppo per il suo elettorato.
Quello che sembrava un partito di centrosinistra o pseudo sinistra libeal-rinformista-democratica, non i riesce più a capire bene che cos’è, partita con l’appoggio al governo tecnico sui principi di equità non s’è trovata traccia o meglio tutt’altro ; del resto manco parlarne o meglio come una vecchia canzone parole … parole ….
Del terzo polo, inutile dirlo che si comportano alla ‘zi prete’, se si vince abbiamo vinto ma se si perde avete perso, idee senza costrutto o peggio senza peso politico, giusto per dire che esistete.
Dopo illo tempore si è ricompattata, come ai tempi antichi, la ‘triplice’ sindacale per farsi vedere ha fatto il suo scioperetto di pragmatica, ma uno sciopero alla greca, non di tre ore, ma di qualche settimana contro :il regalo delle frequenze , la caccia ai veri evasori , i capitali nascosti in Svizzera , Le liberalizzazioni , riduzioni e tagli ai doppi stipendi ; col cacio e col pensiero.
Matura sempre più, il torbido pensiero, che questo governo tecnico sia manovrato dalle fila invisibili del ‘putinsconi’ ; troppe cose gli sono lasciate a suo vezzo e consumo senza metterci la faccia ma facendo fare il lavoro sporco ai tecnici.

OkNotizie

Media 4.33 su 5
Share


1 commento

No ping yet

  1. Massimiliano Miniati
    Massimiliano Miniati scrive:

    Il finale non è male… ;)))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*