BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Gen
10

« Sarà ma non ci credo »


Dopo questa intervista a “che tempo che fa” del Presidente del consigli Mario Monti, se da una parte è rassicurante, il che mi sembra ovvio e scontentato, dall’altra lascia dei chiaroscuri di quello che sarà l’azione del governo nei prossimi giorni. Visto che il ministro Passera ha detto : “Basta tasse. Ora serve mettere più soldi in tasca ai redditi bassi”, di massima ci si crede ma non più di tanto il santaro (vedi soliti noti) è stato fregato più volte (vedi il ‘patonza & soci) ; è resta dubbioso sul fatto di per le liberalizzazioni adotterà “anche più di un decreto al mese” per rilanciare l’economia del paese ; sottolineando che è una parola chiave del futuro dell’Italia.
Queste fantomatiche liberalizzazioni, ormai sono un vezzo politico che si porta da illo tempore, eravamo restati alla famose lenzuolate del Bersani, che di fatto sono state uno striminzito fazzolettino, per voi vedere il naufragarsi di queste temerarie intenzioni sugli scogli delle corporazioni e lobby.
E’ una lotta impari, per il semplice fatto che tanto nel Senato e nel Parlamento, che s’annidano le quinte colonne, che non vogliono perdere i loro privilegi con annesse prebende politiche ; sono una armata di quasi 500 pretoriani schierate a quadrato per difendere sino all’ultimo il bieco tentativo dei liberalizzare qualcosa.
La vedo proprio male che possa fare qualcosa al mese, se vuol fare qualcosa lo deve fare tutto subito e presto, non può perdere tempo dietro a certi pindarismi di prima repubblica, l’Europa non può attendere e ne tantomeno i mercati.
Ma è pura utopia sperarlo e che ciò avvenga, forse qualcosina tanto per mantenere la faccia e non la sostanza, basta leggere certe twitterate dei peones Pdl che già lanciano moniti e veti se toccano la Rai, ci mancherebbe la loro roccaforte di poltrone da distribuire.
Ma il bello di questo governo, che tutti lo stanno guatando, ma ci vogliono mettere il cappello sopra, vedi il Buttiglione, che da vecchio navigato DC, lancia messaggi : “Il Pdl non regali il governo Monti alla sinistra, il suo è governo di centrodestra”.
Agli italiani non importa il colore o pensiero politico, ma bensì che i esca da questo guano, e che si torni a rivedere occupazione e riforme sociali, di chiacchiere ne hanno sentite troppo ; adesso sono diventati tutti dei San Tommaso : “Toccare per credere”.
E sarebbe bene che leggessero qua e là per rendersi conto del pensiero italico, come su Facebook : “ è una tristezza vedere anziani, che già vivono di una misera pensione ,vendere al banco dei pegni oggetti ai quali sono legati affettivamente per poter sopravvivere o per poter pagare le utenze ulteriormente aumentate…è una vergogna vedere i giovani che devono rinunciare ai propri sogni (studiare,affermarsi nella società) per non gravare sulle spese di famiglia……sembra come l’Italia all’indomani della Grande Guerra dove si trovò in una situazione economica, politica e sociale precaria e difficile,dove le casse statali erano quasi vuote anche perché la lira durante il conflitto aveva perso buona parte del suo valore, con un costo della vita aumentato di almeno il 450%…..oggi ci troviamo con un costo della vita aumentato solo perché alcuni SIGNORI hanno saputo dileggiare l’Unità,ciò significa che stanno uccidendo tutti i valori fondativi ……CON GRANDE TRISTEZZA….(CT)”.
Questo post, è come un sassolino nello, stagno e si riverbera nella rete ; perché è il pensiero di milioni d’italiani.


OkNotizie

Media 4.75 su 5
Share


1 commento

No ping yet

  1. Avatar
    Tea Cernigoi scrive:

    Ma come fanno quelli della lega a criticare la casta, me fanno parte ampiamente e non mi risulta che, quando Di Pietro ha parlato di ridurre i compensi della casta, la lega abbia votato a favore! Farsi la campagna elettorale così falsamente da idea di quanto valgano, ma anche a che tipo di elettorato si rivolgano, quelli che hanno rinunciato ad usare la propria testa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*