«

»

Giu
21

« Il ruggito del Cainano »

D


opo la pettinata galattica della Corte costituzionale, il povero perseguitato, ha convocato i fedelissimi a Palazzo Grazioli dissotterrando l’ascia di guerra senza quartiere ; il che era prevedibile perché la sceneggiata del padre nobile e responsabile non ci aveva creduto nessuno.
Ha ruggito inferocito : “Mi hanno indotto a collaborare solo per dare tempo alle varie Corti di massacrarmi meglio. E per dare tempo al Pd di riorganizzarsi. Ma a questo punto basta. Al governo non si concede più nulla. A costo che salti tutto”. È finita la fase responsabile. Perché la scossa della Corte significa un cosa sola. E su questo sono d’accordo tutti. E cioè che l’operazione politica che ha portato al governo Letta non ha garantito un ammorbidimento delle procure. il_prescrittoAnzi, ora rischia di arrivare la valanga: Ruby, lodo Mondadori, compravendita dei parlamentari. E gran finale con la Cassazione che potrebbe cacciare Berlusconi dal Parlamento.[fonte L’Huffington Post]
Quindi, quello che si mormorava da tempo, aveva i suoi fondati motivi ; un patto segreto affinché passasse allegramente nelle maglie della giustizia, uscendone candido come un giglio, rafforzando la sua trita immagine di perseguitato.
I giochi di bussolotto, a quel che si dice, iniziarono dalla triste sceneggiata fatta al tribunale di Milano dei peones del Pdl, da li le offerte segrete per avere Un sostegno hai suoi problemi giudiziari.
Poi proseguirono al momento della nomina del Capo dello stato, il classico do ut des politico di compromessi, ma il fine recondito era sempre quello di avere un aiutino sostanziale per l’accoglimento del legittimo impedimento ; sappiamo come è andata a finire.
Adesso credo che ci siano due scenari, nei quali il B sta rimuginando, far saltare il governo seguendone poi le conseguenze sia nazionali che internazionali ; o tener d’occhio gli eventi per salvaguardare le sue aziende e patrimoni vari ; andare alle elezioni adesso è un salto nel buio, oltre che sarà molto difficile ; vista la possibilità di altre alleanze a lui decisamente più ostiche.
Comunque sia, vista la sua imprevedibilità e le giravolte carpiate nelle dichiarazioni, il colpo di coda è dietro l’angolo e sarà annunciato dal ruggito del Cainano su tutte le piazze italiche, accompagnato dalle sue erinni e pretoriani.

Media 4.60 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*