«

»

Feb
27

« L’asilo Mariuccia non si smentisce mai »

epurazione

D


al pulpito blogghettaro, il gran capo emetteva l’ordine di proscrizione perché quattro senatori vengano cacciati dal gruppo 5 Stelle del Senato, rei di aver espresso “liberamente e senza chiedere il permesso le proprie idee”.
Sono accusati dell’ignominia di aver cambiato idea, e con rullo di tamburi e squilli di trombe troneggiava nella rete, il modulo
moduloespulsione
Stile un voto e ne depenni quattro.
L’11 agosto 2011 quando annunciava che il Movimento 5 Stelle avrebbe partecipato alle elezioni politiche, nel
comunicato politico numero 4 aveva scritto (sempre in stile soviet) :
La libertà di ogni candidato di potersi esprimere liberamente in Parlamento senza chiedere il permesso a nessun capo bastone sarà la sua vera forza. Il M5S vuole che i cittadini si facciano Stato, non che si sostituiscano ai partiti con un altro partito. I partiti sono morti,organizzazioni del passato, i movimenti sono vivi. Oggi i parlamentari sono soltanto dei peones che schiacciano un pulsante se il capo, che li ha nominati, lo chiede. Non sono nulla, solo pulsante e distintivo.
Viene da pensare che ci sia forse qualche distonia di pensiero tra quello che pensava, pensa e penserà.
Ovviamente, essendo il “Duce Supremo unto dal Signore” della Costituzione Italiana non ha dimestichezza, difatti :
L’Articolo 67 della Costituzione della Repubblica italiana recita:
« Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato »
Questo articolo della Costituzione italiana fu scritto e concepito per garantire la libertà di espressione più assoluta ai membri del Parlamento italiano eletti alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. In altre parole, per garantire la democrazia i costituenti ritennero opportuno che ogni singolo parlamentare non fosse vincolato da alcun mandato né verso il partito cui apparteneva quando si era candidato, né verso il programma elettorale, né verso gli elettori che, votandolo, gli avevano permesso di essere eletto a una delle due Camere (divieto di mandato imperativo). Il vincolo che lo lega agli elettori assume, invece, la natura di responsabilità politica”.
Inoltre, un filino di malafede grillesca non guasta mai vedi il video ; difatti la verità l’hanno messa in rete :
Dalla vicenda espulsioni del M5S si deduce che i parlamentari grillini hanno votato per espellere:
-Bocchino, 90,91% di presenze, 4 ddl presentati come primo firmatario.
-Battista, 90,42% di presenze, 4 ddl presentati come primo firmatario.
-Campanella, 85,91% di presenze, 2 ddl presentati come primo firmatario.
-Orellana, 85,36% di presenze, 1 ddl presentato come primo firmatario.

A favore dell’espulsione hanno votato:
-Sarti Giulia, 65% si presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Fico Roberto, 42% di presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Taverna Paola, 62% di presenze, 2 ddl presentati come primo firmatario.
-Villarosa Alessio, 63% di presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Bernini Paolo, 71% di presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Bonafede Alfonso, 67% di presenze, 5 ddl presentati come primo firmatario.
-Castelli Laura, 71% di presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Currò Tommaso, 72% di presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Di Battista Alessandro, 78% di presenze, 1 ddl presentato come primo firmatario.
-Di Maio Luigi, 59% di presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Grande Marta, 71% di presenze, 1 ddl presentato come primo firmatario.
-Nuti Riccardo, 61% di presenze, 0 ddl presentati come primo firmatario.
-Sorial Giorgio, 71% di presenze, 1 ddl presentato come primo firmatario.

In pratica li hanno espulsi perché li fanno sfigurare. [Fonte Facebook(L.P:)]
La risposta dei quattro senatori su di un quotidiano è stata secca e lapidaria vedi foto
; come hanno scritto in rete : ” Con questi metodi democratici, nel movimento rimarranno solo i “cittadini” Grillo e Casaleggio e qualche adepto senza arte né parte.”

Media 4.50 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*