BLOG : La voce di quasi tutti

Errore 404 - Pagina non trovata

Spiacente, ho cercato ovunque ma la pagina che cerchi non la trovo, forse è inesistente!

Se hai seguito un link da un altro sito, forse ho rimosso o rinominato la pagina che cercavi. Ti consiglio di provare a cercare la pagina:

Risultati consigliati

Ho effettuato per te una ricerca con il termine www.lavocediquasitutti.it. Guarda tra i risultati se trovi ciò che stai cercando...

  • Un voto contro Salvini è un voto per evitare la guerra civile  

    Il ministro dell’Interno ha creato un clima da scontro frontale che potrebbe facilmente degenerare in qualcosa di peggio. Per impedirlo domenica occorre una chiara affermazione degli europeisti. Media 3.00 su 5

  • Italia vs. Europa: abbiamo un problema di istruzione  

    Dai laureati agli abbandoni scolastici, passando per i finanziamenti pubblici, l’Italia ha un problema di education. E Bruxelles non può fare almeno di bacchettarci Media 3.00 su 5

  • E ora qualcuno chieda scusa alle Ong e a Mimmo Lucano (sì, Di Maio, stiamo parlando anche con te)  

    Lo dice la magistratura: il “modello Riace” non è un modello criminale; le inchieste sulle Ong si concludono con un nulla di fatto. E ora il leader dei Cinque Stelle dovrebbe rendersi conto che l”appoggio “morbido” Media 3.00 su 5

  • INSEGNASSERO A CASA LORO di Fabio Salamida

    Non serve un quoziente intellettivo particolarmente elevato per capire che la propaganda e la disinformazione del Ministro dei Tweet con delega alle dirette Facebook si basano sulla costruzione di un “nemico virtuale”: qualcuno da far odiare a pezzi regrediti di popolo che da sempre hanno bisogno di capri espiatori per giustificare una condizione sociale non soddisfacente. È quella che comunemente chiamiamo “guerra tra poveri” e viene fomentata da chi non sapendo come stringere la forbice delle diseguaglianze gioca a costruire dei facili bersagli contro cui indirizzare la rabbia sociale. Oggi i capri espiatori sono i migranti. Su di loro vengono …

  • BRACCIO DI FERRO NEL GOVERNO. La febbre propagandistica di Salvini contro il rispetto delle regole istituzionali di Conte 

    Scontro duro da sera a notte nel Consiglio dei ministri tra il presidente Conte e il vice Salvini, il quale ha tentato (e tenterà ancora prima di domenica, anzi prima di venerdì, giorno della chiusura della campagna elettorale Sorgente: BRACCIO DI FERRO NEL GOVERNO. La febbre propagandistica di Salvini contro il rispetto delle regole istituzionali di Conte – L’altroquotidiano.it Media 3.00 su 5

  • La legge sulla legittima difesa sfrutta la psicologia per giustificare la giustizia fai-da-te

    Con la formula del “grave turbamento” Matteo Salvini è riuscito ad allargare i confini della legittima difesa, ribadendo lo slogan del suo partito secondo cui “la difesa è sempre legittima”. Media 3.00 su 5

  • Di Maio e Conte, il grande freddo della platea di Confindustria  

    Raccolgono solo un applauso (finale) a testa. Mattarella lascia la sala prima che Conte e il capo dei 5 Stelle parlino. Da Moretti Polegato a Gros Pietro, gli imprenditori mostrano diffidenza verso l’esecutivo Media 3.00 su 5

  • Le riflessioni di Gianni Di Quattro

    Amo le persone e soprattutto amo l’amicizia e sono felice di avere tanti amici, molti dei quali (la gran parte) mi sono molto cari. ma faccio molta fatica a capire e soprattutto confermare i miei sentimenti quando vengo a sapere che qualcuno condivide la politica (nella forma e nella sostanza) dell’attuale ministro degli interni di questo paese in materia di immigrazione. in altri termini faccio fatica a essere amico di chi abbraccia la disumanità per egoismo e con cinismo. penso che la vita di un uomo non può essere così, niente lo può giustificare. Media 4.00 su 5

  • A che punto è il programma di governo per le riforme istituzionali  

    A inizio maggio la camera ha approvato in seconda lettura una proposta di riforma costituzionale che incide sulla composizione del parlamento, riducendo il numero complessivo dei parlamentari. Media 3.00 su 5

  • Perché non c’è nulla di “cristiano” nella politica di Matteo Salvini

    Piazza Duomo, Milano. La folla brandisce gli ombrelli e grida sostenendo il proprio capitano. Lui, Matteo Salvini, sorretto dall’intero apparato sovranista europeo (almeno a parole; nei fatti nessuno di loro si prende la briga di aiutarlo Media 3.00 su 5