BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Nov
03

A Oakland gli indignati occupano il porto. E Bernanke simpatizza con loro



Non si arresta la protesta degli indignados di Oakland, in California. In settemila hanno occupato il porto, costringendo la polizia ad intervenire dopo che un manipolo di violenti ha cominciato a incendiare gli edifici dell’area aeroportuale, lanciando pietre contro gli agenti in tenuta antisommossa. Da una settimana la città nei pressi di San Francisco emula il popolo di Occupy Wall Street e chiede una maggiore giustizia economica e sociale.
Flash mob realizzati da adulti e bambini con gelati in mano che cantano I will survive (la celebre canzone di Gloria Gaynor) e migliaia di giovani e meno giovani che gridano slogan contro il sistema e tengono in alto manifesti anti-capitalisti.



Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*