«

»

Lug
23

Abbiamo quello che ci meritiamo


Non mi stancherò mai di dirlo ma la classe politica rispecchia perfettamente quello che noi siamo. E’ di queste ultime ore la notizia di un’aula di Montecitorio completamente vuota sulla discussione del decreto dl “Fare”. Le cronache narrano di politici parassiti intenti a giocare col tablet, a parlare, a telefonare, mentre dovere dovrebbe essere quello di parlare degli italiani. Berlusconi tempo fa disse che la crisi non c’era perchè i ristoranti erano pieni. In diversi si indignarono ma purtroppo aveva ragione. Sarò polemico, pedante e forse anche un pò palloso, ma l’altro giorno Firenze si è bloccata per un pomeriggio perchè 25 mila persone sono andate a salutare il loro beniamino che giocherà il prossimo anno nella Fiorentina. Moena, luogo di ritiro della squadra, in questi giorni è presa d’assalto dai tifosi. Cito questo episodio non per prendermela con i tifosi, ma per l’atteggiamento che offriamo alla classe politica che si permette di disertare l’aula durante i “lavori” parlamentari. Il politico non ha paura di questo popolo perchè sa di avere a che fare con un branco di pecore che alla prima occasione “futile” fanno baracca e burattini tralasciando le cose serie. I ristoranti continuano ad essere ancora pieni e il politico non si sente minimamente “minacciato” dal proprio elettore perchè tanto sa che alla prima occasione pre elettorale gli fornirà quel contentino che gli farà dimenticare tutto. Non so se questo significa che sono pessimista, ma non vedo futuro per questa città e per questo paese che ancora si ostina ad avere una classe politica così inetta. Francia o Spagna purchè se magna dicevano due secoli fa e tutto sommato non mi sembra che oggi siamo troppo diversi.

Media 3.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*