BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
29

Accattoni della tv di Ennio Simeone


ORA DI PUNTA


Immaginiamo che anche i presidenti dell’Ordine dei Giornalisti e della Federazione della Stampa vedono in tv, tutte le tv, Rai in testa, i telegiornali e soprattutto i talk show costruiti ormai tutti sullo spettacolo avvilente di giovani cronisti e croniste che appostano o rincorrono politici e politicanti frettolosamente entranti o uscenti dai palazzi del potere, e tendono loro un microfono per implorare, ansimanti e petulanti, una risposta che non arriva, che non può arrivare, in quelle condizioni, in quel luogo, a domande improbabili su argomenti che richiederebbero tempo e una pacata argomentazione. Ma da questi ragazzi, spesso precari alle prime armi in cerca di una pacca sulla spalla e di un modesto gettone di collaborazione, il ben remunerato conduttore-mandante non aspetta risposte; anzi gioisce proprio delle non-risposte, dei silenzi imbarazzati, dei gestacci di diniego che l’operatore al seguito dell’affannato intervistatore-non-intervistatore riesce a immortalare e portare al montaggio del filmato che diventerà, agli occhi del telespettatore, un documento della spocchiosità della politica.
E’ un film che si ripete ormai più volte alla settimana e persino più volte al giorno, un film di mortificante accattonaggio mediatico che non può essere sfuggito a coloro che dovrebbero garantire la tutela almeno della decenza di questa professione. E quindi avrebbero il dovere di intervenire per porvi fine. Ma non prendendosela con quei poveri postulanti del microfono: bensì mettendo sotto accusa chi li manda ad elemosinare smozzicate e inconcludenti dichiarazioni o sdegnati dinieghi, da portare in redazione come scalpi di uomini bianchi scotennati da temerari incursori cheyenne.

Media 3.00 su 5
Share


1 commento

No ping yet

  1. Avatar
    Renato scrive:

    Ineccepibile articolo che condivido pienamente; aggiungerei anche i radiogiornali che mandano in onda la domanda del giornalista di turno e la risposta testuale dell’intervistato: “Non ho niente da dichiarare”. Bell’esempio di aria fritta. Ma, per me, il vero accattonaggio mediatico è il bombardamento quotidiano di chi continua a sollecitare sms da 2 e 4 euro per questa o quella lodevole causa ben consapevole che si tratta solo di reperire fondi che non arriveranno mai ai destinatari se non in una minima parte e dopo che si saranno pagati i faraonici stipendi di chi ha fatto dei soccorsi umanitari e della ricerca il vero affare. Per non parlare delle compagnie telefoniche. Non escludo che l’argomento sia stato già trattato, non ho modo di saperlo. Grazie per l’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*