«

»

Lug
11

« Alla crisi si risponde con l’Aventino per consolare il padrone del Pdl »

I


n questo ventennio abbiamo visto di tutto e di più, ma questa XVII legislatura è proprio una tragicommedia di vacuità neuronali, con la grande sfrontatezza di chiamare larghe intese quello che nella realtà un inciucio ; dei più biechi, tenuto in piedi per i soliti motivi giudiziari. micromega_governo_berluscletta In merito a questo, le sceneggiate napoletane, sono state surclassate dal botolo ringhioso e l’altro branco ululante ; ma sono fiduciosi che la massa viva solo delle loro vacuità senza prendere coscienza che rimestano nel torbido.
Sul Sole 24 Ore, un bell’articolo di Donatella Stasio, che chiarisce, codice alla mano, che l’operato della Cassazione è stato fatto rigidamente nella norma ; uno stralcio : “ La legge è uguale per tutti, e lo è anche la prassi seguita dalla Cassazione per i processi prossimi alla prescrizione. Non poteva fare eccezione, quindi, il processo Mediaset a Silvio Berlusconi (condannato per frode fiscale a 4 anni di carcere e a 5 di interdizione dai pubblici uffici), visto che il 1° agosto scatterà la prescrizione di una delle due frodi consumate dall’ex premier. Legge e prassi prevedono che, in questi casi di «urgenza», i termini per fissare l’udienza possano essere ridotti fino a un terzo (20 giorni invece di 30) e che, se si è a ridosso della sospensione estiva, il processo venga trattato ugualmente. Pertanto, in base a una legge del ’69 e all’articolo 169 del Codice di procedura penale nonché alle direttive annualmente impartite dal primo presidente della Cassazione, il processo Mediaset è stato fissato il 30 luglio davanti alla Sezione feriale (presidente Antonio Esposito, giudice relatore Amedeo Franco) e la difesa è stata avvisata della riduzione dei termini. Così si arriverà al verdetto prima che scatti la prescrizione, sia pure solo per una delle due frodi. Fermo restando che se la Cassazione dovesse annullare la condanna con rinvio alla Corte d’appello, sarà quest’ultima a verificare anche l’eventuale avvenuta prescrizione (sia pure parziale)”.
Almeno questo, i legulei del B, dovrebbero saperlo ed informare i peones di starsene tranquilli ; ameno che non sono sobillati ad arte per ripetere il mantra della persecuzione, con l’aggiunta che, siccome lo hanno votato milioni d’italiani, lo steso ha la patente d’immunità totale ; la solita “distrazione di massa”.
Di certo il PD, ne esce ancor più malconcio, dopo questa figura barbina di servilismo nei confronti del Pdl, hanno ben ragione gli altri ad alzare i toni per sottolineare che i problemi del paese non sono quelli giudiziari del B.
Una vera e propria nefandezza, di cui dovranno tener conto tanto il PD quanto Scelta Civica ed UDC, asservirsi sospendendo la loro attività alla Camera dei Deputati ed al Senato della Repubblica,
ecco il video” della vergogna politica.
Poi per soprammercato, c’è stato anche l’incontro tra il Presidente della Repubblica con il comico/politico, bella analisi fatta da Francesco De Palo su Formiche leggi articolo ” ; dopo il politico/comico ci voleva.

Media 4.50 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*