BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Dic
24

« Allora che si farà di bello ? »

S


iamo agli sgoccioli di questo 2012, un annata all’insegna della crisi più nera dal dopoguerra ad oggi, marchiata dagli scandali e ruberie in ogni dove, hanno fatto man bassa dei pizzo dei rimborsi elettorali, tanto ai partiti in vita che quelli de cujus da anni.
Altro ricordo , di questa nefasta genia, le grassazioni fatte alle Regione Lazio, Lombardia, Piemonte ed altre ; rimborsi spese da rubagalline, una vera e propria esaltazione d’accattonaggio ; non paghi del lauto stipendio, rubare per arrotondarlo.
Dopo l’ingloriosa crassa e postribolare, ennesima esperienza del governo berlusconiano, il paese era arrivato sul ciglio del dirupo, ma si negò l’evidenza dei fatti e si continuò a mentire sapendo di mentire.
Sino ad arrivare all’uscita di scena, dalla porta di servizio, per dare il posto ad un governo dei tecnici, a mò di salvatori della patria visto come eravamo ridotti, sia economicamente che come reputazione.
Una strana e mal composita maggioranza, ha sostenuto il governo tecnico, che ha avuto la possibilità di dare un forte impulso alle riforme sempre traccheggiate dai precedenti governi per i soliti loro interessi personali ed elettorali.
Quello che maggiormente si può imputare, a questo decaduto governo tecnico, la mancanza di coraggio per affrontare dei temi spinosi, fare in modo che la crisi fosse perequata su tutti e non solo sui soliti noti ; non aver usato a fondo i mezzi mediatici, cosa che sta facendo in maniera logorroica il patonza.
Difatti abbiamo visto sfumare o rese annacquate le riforme sulla Corruzione, Liste pulite, Legge elettorale, liberalizzazioni ed altre ; le manovre delle lobby e dei veti incrociati hanno vanificato gran parte dei buoni propositi ; e di questo doveva renderne conto agli elettori.
Adesso ha fatto il redde rationem in conferenza stampa, dando la stura alle più invereconde interpretazioni, o travisando anche le virgole, ma così è bisognerà leggere tra le righe dei i tanti pennaioli di mestiere.
La rete ha fatto come 90esimo minuto, parola dopo parola, ha riportato è commentato, ogni sua dichiarazione fatta ai giornalisti ma ancor prima ad ogn sua dichiarazione resa ; naturalmente con diverse opinioni e riflessioni, ma se devo dire nel complesso positive.
Tra le tante due in particolare sono ben precise , una a non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire, ergo : “Il più grande costo della politica non è tanto quello di festini, irriguardosi di ogni dignità, ma le decisioni non prese”.
L’altra, apre a tante supposizioni e scenari politici : “Non mi schiero con nessuno, mi auguro che idee dell’agenda Monti possano essere condivise da maggioranza Parlamento”.
Il suo principale oppositore, in piena diarrea mediatica e giornalistica, basta vedere questo video

.

Al ridicolo non c’è limite, ormai dovremmo abituarci alla sua arte circense.

OkNotizie

Media 4.50 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*