BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Ago
17

Assange, l’Ecuador come paladino delle libertà è surreale



Non è stata la Gran Bretagna né tantomeno il mio Paese di origine, l’Australia, ad alzarsi in piedi per proteggermi dalla persecuzione, ma bensì una nazione Latino americana coraggiosa e indipendente”. Julian Assange dixit subito dopo aver saputo della decisione del presidente dell’Ecuador, Rafel Correa, che gli ha concesso l’asilo politico.
Da due mesi il fondatore di WikiLeaks vive nell’ambasciata ecuadoregna a Londra e ha chiesto (e ricevuto) asilo politico per non essere estradato dal Regno Unito in Svezia, dove lo stanno aspettando per un processo in cui dovrebbe rispondere di accuse di stupro e abusi sessuali su due donne.

continualeggeresupanorama

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*