Marazico

Marazico

Dettagli sull'autore

Nome: Andrea Reali
Data di registrazione: 15 Giugno 2016
URL: http://www.marazico.it

Ultimi post

  1. La sesta vita — 12 Aprile 2019
  2. La sentenza — 11 Aprile 2019
  3. Te credi d’esse eterno — 10 Aprile 2019
  4. Er Pino e l’Acquedotto — 5 Aprile 2019
  5. Er lamento der pino — 2 Marzo 2019

Lista post dell'Autore

Apr
12

La sesta vita

La prima vita fuggì gemendo con il lamento di una gazzella la notte stessa che venni al mondo, notte di pianto, senza una stella. Assieme a lei se ne andò mia madre, una bambina di quindici anni. Uscii da lei che non respiravo, nonna mi prese dentro i suoi panni. Sputai sangue e sorrisi e lei mi benedì…



Apr
11

La sentenza

M’avete crocifisso e massacrato pe’ ‘n par de multe e tre o quattro scontrini. So’ stato vilipeso e sbeffeggiato da fasci, da leghisti, da grillini. I miei vecchi compagni de partito so’ stati i primi che m’hanno tradito. D’accordo, qualche sbajo l’ho commesso, pe’ certi versi sì, so’ stato fesso, ma a petto de quell’altri e d’Alemanno…



Apr
10

Te credi d’esse eterno

Te credi d’esse eterno. Poveretto. Tutto quello che hai fatto da quer giorno che hai mosso i primi passi da omo eretto sarà spazzato via. Qui tutt’attorno, indove vedi strade e monumenti e quelle scatolette puzzolenti dove ve rinchiudete scioccamente, ritornerà com’era, e finalmente s’udrà soltanto er canto degli uccelli, er vento, e l’acqua chiara dei ruscelli. Voi…



Apr
05

Er Pino e l’Acquedotto

De dietro a via Lemonia, all’Acquedotti, c’è un paradiso in tera senza pari. Svolazzano farfalle e passerotti, fra i ruderi e li pini centenari. Chi dopo ‘sta Pasquetta c’è passato narra de tonnellate de schifezza lassata dappertutto sopra ar prato da chi c’aveva prima banchettato. Bottije vote, carte e altra monnezza che i netturbini ieri…



Mar
02

Er lamento der pino

Er giorno che l’amico mio è crollato nun me sarei davero immaginato ché senza né ragione né perché m’avrebbero segato pure a me. Io me sentivo bene, porca vacca. Invece hanno iniziato co’ ‘na tacca e poi è arivato quer morammazzato che co’ la motosega m’ha tajato. Dice che nun c’è spazio pe’ premure, che nun ce stanno…



Feb
14

1945

Tra le macerie bianche della guerra, prostrata, inginocchiata, faccia a terra, nulla sembrava avere più importanza e avevo abbandonato la speranza. La fame le mie viscere straziava, la povertà la carne consumava. Poi ho visto che la vita era più forte dell’orrido sorriso della morte. Ho visto dentro agli occhi della gente, che aveva perso…



Feb
12

L’ombelico

Se sei convinto de cambia’ la tera polemizzando sopra ‘na tastiera, senza mai prenne spunto né lezione convinto d’ave’ sempre tu ragione, t’offenderai, ma nun me frega niente: me tocca ditte che sei un deficiente. Se pensi de divide er monno intero in quer che bianco e in quer che invece è nero, se nun ce provi mai…



Gen
30

L’Intestino

Ce sta chi prova a trascina’ la gente cercanno de parla’ solo alla mente. E poi ce sta chi con passione e amore prova a convince più che altro er core. C’è pure chi conquista le persone smovenno nello stomaco emozione. E poi c’è quello che pe’ fa’ casino parla direttamente all’intestino. A giudica’ da quello che…



Gen
27

Le pietre d’oro

N’erano mattonelle colorate quei sampietrini d’oro do’ hai inciampato. Ma vai de fretta, nun te sei fermato, e nun hai letto i nomi e quelle date. So’ pietre, ma ricordeno persone uccise senza colpa né ragione, omini e donne trascinati via da ‘na spietata e lucida pazzia. Accadde a Roma ar tempo de la guera, e forse…



Gen
25

Er sogno

Dopo che chiusi l’occhi l’artra notte, nun me ricordo quello che ho sognato. Me pare che strillavo, ero arrabbiato, e a ‘n certo punto poi facevo a botte. Ah ecco! Stavo dentro a ‘na cantina che a ‘n certo punto poi s’è trasformata e come casa vecchia è diventata e ho inteso mamma smucina’ in cucina…