BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Lug
31

BREVI PENSIERI DI UN DIPINTO – I pensieri di Angy


Leggere, in fondo, non vuol dire altro che creare un piccolo giardino all’interno della nostra memoria. Ogni bel libro porta qualche elemento, un’aiuola, un viale, una panchina sulla quale riposarsi quando si è stanchi. Anno dopo anno, lettura dopo lettura, il giardino si trasforma in parco e, in questo parco, può capitare di trovarci qualcun altro. (Susanna Tamaro)

li_xe020


BREVI PENSIERI DI UN DIPINTO

Ed un tratto desiderò d esser vivo.
Non solo colori intrappolati in linee e forme di un altra mente e cuore,
ma immagine viva di se stesso.
Li di fronte occhi estasiati in sguardi adoranti, ammirazione, venerazione.
Tutti parlavano di bellezza, di emozione vibrante, palpitante. Lui era ..arte.
Si concentrò in quegli sguardi adoranti nei quali era riflesso,
come in specchi.
Come può pelle mai sfiorata dalle mani di una donna, esser bella?
Come possono occhi mai persi nello sguardo amato, essere adorati?
E che ci fanno sorrisi intrappolati nelle linee eterne di un dipinto, che mai hanno regalato gioia,qui, in una galleria d arte?
Immerso nei pensieri, guardava il volto dell anziano signore che stringendo a sè il nipotino cercava di indicargli la via della bellezza nei tratti del suo volto.
E si incantò, si perse fra le rughe di quel viso eroso dal tempo,
nei suoi candidi capelli, nel sorriso cosi sgraziato che gli copriva metà volto,
e in quegli occhi, pieni dei colori dell amore,delle sfumature di tutta una vita,
dei grigi del dolore e del giallo dei ricordi felici di una intera esistenza,
trovò la bellezza.

Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*