BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
06

Bugzum


Vi ricordate il Bugzum? Era un gioco televisivo dove facevano vedere il particolare di un oggetto e il pubblico doveva indovinare cosa in realtà fosse. Il segreto stava tutto nell’inquadratura della fotografia perchè oggetti apparentemente comuni risultavano alieni se fotografati da una diversa angolatura. E’ un pò quello che è successo ai partiti politici in questa ultima settimana. Prima delle elezioni sembravano delle bande cittadine intente a strombazzare di tutto e di più a destra e a manca, mentre oggi devi sforzarti per capire e vedere dove sono andati a finire. A destra l’unico che parla, e l’unico che realmente esiste, è sempre il Cavaliere nella sua fase di attesa (mossa furba) preso come sempre a sedare la richiesta di autografi da parte dei suoi fan più sfegatati, ovvero la magistratura. Grillo e i suoi “grillini” intento a capire chi siano veramente i neo eletti del suo movimento chiamandoli a raccolta in riunioni “segrete” affinchè nessuno gli giri nel manico e faccia crollare tutto il castello creato intorno a lui. A sinistra stanno ancora girando in folle cercando di riprendersi dal colpo subito e vaneggiando frasi del tipo “forse più che lo smacchiatore ci voleva un ammorbidente”… Infine la no fly zone di Monti che ancora deve capire insieme al suo elettorato chi sia veramente il suo leader e dove abbia realmente studiato o se la laurea è stata conseguita nella stessa università del figlio di Bossi. Valli a capire i politici! Si sono messi in posa per farsi scattare una foto dove sono irriconoscibili, come il Bugzum. C’è però un libro che si chiama Storia, un libro dove le gesta dell’uomo vengono scritte nel bene e nel male, dove vengono citate le grandi dinastie, i grandi dittatori, le persone che hanno lasciato un segno con le loro parole. Questi ultimi 20 anni verranno ricordati come l’era del berlusconismo e, questa elezione, come la vittoria di Grillo. Per tutti gli altri solo un nebuloso ricordo per chi c’era mentre per i posteri sarà solo un periodo di grandi ruberie e arraffamenti ed i nomi saranno solo lapidi di un cimitero senza visitatori.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*