BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Lug
31

Buone scosse per l’Eurozona di Moisè Asta


ORA DI PUNTA


Così, tutto il mercato azionario europeo, a partire dalla Futures Borsa Milano, lascia registrare, nelle ultime ore, un forte rialzo, dopo che il numero uno della Bce, Mario Draghi, ha assicurato di voler fare di tutto per tenere un po’ a bada la crisi galoppante, garantendo, simultaneamente, la sopravvivenza dell’euro e la sistematica tutela dell’Eurozona. Gli investitori, infatti, ritengono che la stessa Bce e la Fed, ormai, sembrano decisamente più disponibili a varare le auspicate, attese, misure finalizzate allo stimolo dell’economia, allo stato stagnante più del giusto, e che, semmai, sembra propendere per il ripristino del piano tedesco dell’acquisto dei titoli di debito dei paesi periferici, soprattutto dopo le rassicurazioni nel merito espresse anche dalla stessa cancelliera Angela Merkel.
Credibilissimo, quindi, Draghi. Del resto, lo stesso leader dell’Eurogruppo, Jean-Clauder Juncher, ha evidenziato che l’Eurozona si trova ad un punto cruciale e che non deve perdere inutilmente altro tempo nel rendere operativi gli accordi raggiunti in sede dell’ultimo summit quando, tra l’altro, fu approvato lo scudo anti-spread. Resterebbe, pertanto, solo da scegliere che cosa fare e quando; ma si muove qualcosa anche su questo fronte, con l’arrivo in Germania del segretario al Tesoro statunitense, Timothy Gethner, per incontrare il ministro delle finanze tedesco, anche in funzione del successivo incontro con Draghi (che si rivela sempre più credibile). Si muove, quindi, qualcosa in favore dell’Eurozona e della sua moneta comune. E ci sia consentito – dopo tanta trepidante attesa – di assumere che, per davvero, non è mai troppo tardi.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*