BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Lug
14

Cara Virginia

marazico01-framed


Cara Virginia, so che č’hai da fà,
e nun te vojo troppo disturbà.
So’ noto a Roma come Marazico,
né te sostengo, né te so’ nemico.
Ho letto quer “sonetto” incriminato
che pure Beppe Grillo ha pubblicato.
A parte che ‘n se tratta de ‘n sonetto,
ma questo già quarcuno l’avrà detto.
È roba troppo complicata quella,
lassamola a Trilussa e Pascarella.
La storia è sempre uguale, su per giù:
se er popolo te vota è intelligente.
Quanno poi dopo nun te vota più
la colpa nun è tua, ma della gente,
che nun capisce, che nun se vergogna,
e deve ritornare nella fogna.
Annamo ar dunque. Segui quer consiglio:
passa la mano, nun te incaponì,
nun c’è più tempo, nun ce sta più appiglio.
Stamo ai saluti, e tu sai che è così.
Potevi fà de mejo? De sicuro.
Ma chi te mette co’ le spalle ar muro
ar posto tuo, du’ mesi o tre soltanto,
finiva ar manicomio o ar camposanto.
Pe’ quello che ho sentito e quer che ho visto
qui fallirebbe pure Gesù Cristo.
Me piace de pensà che quarche vorta,
ner corso de quest’anni che hai passato,
ar termine de ‘na giornata storta,
dopo quarche discorso complicato,
dopo ‘na carognata o ‘na menzogna,
dopo quarche improvviso voltafaccia,
er tradimento de quarche carogna,
dopo quarche indecente figuraccia,
de sera a casa a sbatte la capoccia
o a piagne sola là sotto la doccia
te sarai detta:
– Mamma che casino!
Mo’ lo capisco povero Marino…

Media 4.33 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*