BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Apr
22

Cari nipotini, non rottamate i nonni di Stefano Clerici


ORA DI PUNTA


Appena finito lo spoglio dei voti e stabilita la distribuzione dei seggi in Camera e Senato, tutti ci siamo resi conto che dare un governo a questo martoriato paese sarebbe stata impresa assai improba. Ma c’era una cosa a darci speranza e consolazione: il nostro Parlamento s’era (s’è) ringiovanito come non mai. L’età media è scesa a 48 anni contro i 54 dei deputati e i 57 dei senatori della precedente legislatura. I grillini hanno addirittura un’età media di 37 anni. Le donne, poi, sono passate al 31% contro il 21 (alla Camera) e il 19 (al Senato). Tanto che Lella Golfo, presidente della Fondazione Bellisario, ha felicemente commentato : “La vera innovazione è questa”.
Insomma, pareva proprio che un vento di novità avesse finalmente cominciato a spirare sul Palazzo. E con tutte queste “forze fresche” la possibilità di cambiare fosse davvero dietro l’angolo. E, invece, che cosa è successo? Che gli entusiasti ma inesperti ragazzi del Movimento 5 Stelle si sono rimessi totalmente nelle mani del loro padre (padrone), il quale, pur con fisico e aspetto giovanile, è comunque abbondantemente nella “terza età”. Mentre gli altrettanto entusiasti e inesperti ragazzi del Pd (che pur erano stati eletti attraverso le primarie per contrastare l’ignobile porcellum), si sono ammalati al primo spiffero di corrente, beccandosi quel virus del cupio dissolvi che pare ormai un fatto genetico.
Così, alla fine, a togliere le castagne dal fuoco ai “nipotini” (e relativi “genitori”) è dovuto scendere in campo il “nonno”, un signore di 88 anni che, grazie a Dio, mantiene una mente lucidissima e conserva uno spirito di sacrificio degno di un autentico “patriarca”.
Ragazzi miei, la prossima volta, prima di parlare di “rottamazione” e di spedire “tutti a casa” contate almeno fino a cento.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*