«

»

Mar
03

Caro Eugenio

max_pontevecchio-framed


…mi permetto di scriverti da questo modestissimo blog riconfermando le mie parole dell’ultima volta che siamo visti. Sicuramente nel panorama politico fiorentino tu sei uno dei personaggi più conosciuti e più in vista che ti hanno fatto valere il soprannome di “Prezzemolo” (oltre ad altri che non sto a citare). Ti ho sempre considerato una brava persona e un (quasi) fiorentino amante della propria città e della sua storia. Alla morte decretata per vigliaccheria del nostro ex partito (PSI) hai saputo riciclarti nelle trame di quella sinistra che in realtà ci aveva fatto fuori due anni prima, sapendo che comunque sarebbe stata l’unica strada per essere presente a Firenze. Condivisibile o meno, nell’ultima tornata elettorale hai preso oltre 1500 preferenze personali, il primo di tutti, il che ti porta ad essere uno “gradito”. Se fossimo stati negli anni 80 forse non ti avrei visto bene come sindaco ma oggi, con le personalità politiche che svettano sia a Firenze sia in Italia, potresti forse avere la stoffa per ricoprire tale incarico, sicuramente meglio di un Paperino o Topolino qual’ora il PD volesse candidarlo. Purtroppo per te il PD ti ha girato le spalle, e non un PD a caso, ma quello di Renzi che tu hai “servito” per 5 anni eseguendo i compiti come un bravo scolaretto. Quest’ultima trombatura a sottosegretario e forse a candidato sindaco, ti dovrebbe far svegliare un pò, sia a livello politico sia a livello personale, perchè mi risulta difficile che tu, anche adesso, possa essere ancora un cavalier servente. Sbaglierò, ma mi sembri fatto di altra pasta… Non so come tu possa concepire per i prossimi 5 anni di fare il “secondo” a Nardella… Il futuro sindaco è tre generazioni indietro. Forse incanterà le folle con un’assolo di violino, ma non mi sembra un leader da affiancare per uno come te… Perchè allora non ricrei un fronte socialista inglobando chi fin’ora è stato in letargo, chi si era allontanato dalla politica fiorentina, chi non si riconosce in questa dirigenza da 25 anni a questa parte? Però non come ha fatto Valdo Spini, oramai bollito e consunto da un vecchio modo di fare politica che non c’è più, ma riesumando un idea vecchia ma che oggi torna prepotentemente alla ribalta. Secondo me i presupposti ci sono tutti per poterlo fare basta volerlo. Sei pronto a metterti in discussione?

Media 3.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*