BLOG : La voce di quasi tutti

Lug
25

Sotto a ‘n treno

Ciao cara. Che giornata se presenta, già m’ha chiamato la ministra Trenta. Dice che a lei je pare ‘na schifezza, nun vo’ vota’ er decreto sicurezza. Mezz’ora bona de quer piagnisteo, sapessi quer che ha detto de Matteo. Ć’ho la capoccia che me fa già male e ‘n ć’ho er coraggio de sfoja’ er giornale. ‘Sta storia della…



Giu
14

Attento Capitano

Ormai te senti quasi onnipotente, navighi co’ le vele gonfie ar vento. Mentre te fai li selfie co’ la gente te vedi già ar quaranta e più per cento. Godite ‘sto momento, damme retta, perché nun poi sape’ quer che t’aspetta. Er giorno che al tuo popolo plaudente je toccherai le case e la saccoccia, li stessi che…



Mag
22

L’Ignoranza

‘Na volta le vedevi anna’ a braccetto, magna’ e dormi’ sotto lo stesso tetto, le misere Ignoranza e Povertà. E nun se parla de cent’anni fa. E quante sere dentro ad una stanza cenavano co’ Dignità e Speranza. Quanno la Povertà fece fagotto er sodalizio antico venne rotto e l’Ignoranza strinse ‘n’amicizia co’ una molto peggio…



Mag
02

Linea Notte

Stanotte (chissà quello che ho magnato, forse quei peperoni, anzi sicuro) Mannoni ar TG3 me so’ sognato che biascicava cose sur futuro. E cosa alquanto strana, le domande faceva da seduto, ma in mutande. Parlava de politica e elezioni perdenno er filo ad ogni interuzione. Pareva je girassero i cojoni, prenneva a parolacce le persone e a quelli…



Apr
12

La sesta vita

La prima vita fuggì gemendo con il lamento di una gazzella la notte stessa che venni al mondo, notte di pianto, senza una stella. Assieme a lei se ne andò mia madre, una bambina di quindici anni. Uscii da lei che non respiravo, nonna mi prese dentro i suoi panni. Sputai sangue e sorrisi e lei mi benedì…



Apr
11

La sentenza

M’avete crocifisso e massacrato pe’ ‘n par de multe e tre o quattro scontrini. So’ stato vilipeso e sbeffeggiato da fasci, da leghisti, da grillini. I miei vecchi compagni de partito so’ stati i primi che m’hanno tradito. D’accordo, qualche sbajo l’ho commesso, pe’ certi versi sì, so’ stato fesso, ma a petto de quell’altri e d’Alemanno…



Apr
10

Te credi d’esse eterno

Te credi d’esse eterno. Poveretto. Tutto quello che hai fatto da quer giorno che hai mosso i primi passi da omo eretto sarà spazzato via. Qui tutt’attorno, indove vedi strade e monumenti e quelle scatolette puzzolenti dove ve rinchiudete scioccamente, ritornerà com’era, e finalmente s’udrà soltanto er canto degli uccelli, er vento, e l’acqua chiara dei ruscelli. Voi…



Apr
05

Er Pino e l’Acquedotto

De dietro a via Lemonia, all’Acquedotti, c’è un paradiso in tera senza pari. Svolazzano farfalle e passerotti, fra i ruderi e li pini centenari. Chi dopo ‘sta Pasquetta c’è passato narra de tonnellate de schifezza lassata dappertutto sopra ar prato da chi c’aveva prima banchettato. Bottije vote, carte e altra monnezza che i netturbini ieri…



Mar
02

Er lamento der pino

Er giorno che l’amico mio è crollato nun me sarei davero immaginato ché senza né ragione né perché m’avrebbero segato pure a me. Io me sentivo bene, porca vacca. Invece hanno iniziato co’ ‘na tacca e poi è arivato quer morammazzato che co’ la motosega m’ha tajato. Dice che nun c’è spazio pe’ premure, che nun ce stanno…



Feb
14

1945

Tra le macerie bianche della guerra, prostrata, inginocchiata, faccia a terra, nulla sembrava avere più importanza e avevo abbandonato la speranza. La fame le mie viscere straziava, la povertà la carne consumava. Poi ho visto che la vita era più forte dell’orrido sorriso della morte. Ho visto dentro agli occhi della gente, che aveva perso…



Pagina 1 di 2312345...1015...Ultima »