Giu
18

Zitti: parla Marino

M’avete crocifisso e massacrato pe’ ‘n par de multe e tre o quattro scontrini. So’ stato vilipeso e sbeffeggiato da fasci, da leghisti, da grillini. I miei vecchi compagni de partito so’ stati i primi che m’hanno tradito. D’accordo, qualche sbajo l’ho commesso, pe’ certi versi sì, so’ stato fesso, ma a petto de la Raggi e…



Giu
15

Arzate in piedi Roma

Arzate in piedi, lotta, nun t’arenne, nun dalla vinta a chi te ride in faccia a chi co’ prepotenza tutto prenne, che usa la violenza, che minaccia. Arzate e ferma chi je vo fa’ male a ‘sta città da anni addormentata, quella masnada infame e criminale che pare senza freno, scatenata, da Ostia alla Magliana, dar Pigneto…



Giu
11

Quanto t’ho aspettato (Argo)

Sapevo che saresti ritornato. Tutti hanno abbandonato la speranza. Io no, sapevo. Quanto t’ho aspettato. Ero soltanto un cucciolo, rammenti, e dentro al bosco noi andavamo a caccia. Le lepri riportavo tra i miei denti, di daini e cervi sempre sulla traccia, col cuore dentro che batteva forte, mentre con l’arco dispensavi morte. Assieme correvamo tutto…



Giu
08

Due giorni

Due giorni sono stato sulla terra con gli occhi chiusi in un’incubatrice. Dove son nato io ci sta la guerra, la gente è disperata ed infelice, nessuna canzoncina o dolci suoni, ma solamente urla ed esplosioni. L’ultima è stata quella che ha colpita la macchina che mi teneva in vita. L’aria mancava, è stato doloroso, il mio…



Giu
01

La fontana delle tartarughe

Me scordo sempre come ce se arriva persa com’è fra i vicoli der ghetto. L’altra mattina la città dormiva – Vojo proprio passacce – me so’ detto. M’ero smarrito ancora, ma a la fine ce so’ sbucato avanti tutt’a ‘n tratto, e ner vede’ quelle tartarughine me so’ incantato ancora stupefatto. Lontano rintoccava ‘na campana, l’acqua cantava e…



Mag
31

1945

Tra le macerie bianche della guerra, prostrata, inginocchiata, faccia a terra, nulla sembrava avere più importanza e avevo abbandonato la speranza. La fame le mie viscere straziava, la povertà la carne consumava. Poi ho visto che la vita era più forte dell’orrido sorriso della morte. Ho visto dentro agli occhi della gente, che aveva perso tutto…



Mag
22

Dice che è innamorato

Dice che è innamorato alla follia, ma i segni che te lascia sulle braccia me dicono er contrario stella mia. Famme vede’… ‘sto graffio sulla faccia? Er gatto? Nun me dì ‘n’altra bugìa, che papà tuo ce vede bene ancora. Dimme, perchè te fai der male fija? Nun aspetta’ nemmeno ‘n’altra ora che troppe n’hai patite…



Mag
14

Quanno che ho preso foco

Ormai so’ ‘na carcassa puzzolente abbandonato dentro a ‘n capannone. Attorno a me qui è tutto fatiscente, gomme, ferraja e cacca de piccione. Dentro de me ce stava tanta gente quanno che ho preso foco giù ar Tritone. Fortuna che nun è successo niente, che nun ha fatto morti l’esplosione. Pare che ‘na ragazza s’è ustionata…



Mag
09

La Bellezza

Se la bellezza fosse una materia da studia’ a scola, tipo religione, (guardate che sto a di’ ‘na cosa seria) forse davero avremmo una ragione pe’ manna’ i ragazzini in quei pollai che sforneno ignoranti e bottegai. Pe’ vince la paura ed il dolore se deve riempi’ er core de splendore. Peppino certamente lo sapeva…



Mag
07

Il fiume di metallo

Mauro che non l’ha detto alla famiglia è uscito all’alba senza far rumore. Saluta il cameriere che sbadiglia gira il caffè e non conta più le ore. La fila che faceva ogni mattina dalla Salaria fino all’Ardeatina adesso è solo un fiume che l’aspetta e che lo inghiotte piano, senza fretta. A cinquant’anni ha perso il suo lavoro, non ha la…



Pagina 1 di 1812345...1015...Ultima »