Ott
16

Le catene

Te sento la mattina sur raccordo che fai discorsi solo come un folle mentre ‘n’ascolti più nessuno, sordo, cor sangue nelle vene che ribolle co’ la gastrite che te se divora mentre stai fermo ormai da ‘na mezz’ora. Te vedo quanno torni a casa stanco che brontoli quarcosa alla famija mentre tu moje cionnola de fianco e quella…



Ott
13

L’Ikea

Nun so perché succede, nun c’ho idea, ma è sempre uguale quanno vò all’Ikea. So’ entrato pe’ compramme ‘no scaffale, so’ uscito co’ un carrello mezzo pieno e n’ho comprato niente de speciale, niente che nun potessi fanne a meno. Ho preso ‘na cornice, ‘na piantina, le pile, du’ cuscini blu, un faretto, du’ scatole da mette giù…



Ott
12

La buca

Io so’ ‘na buca e sono nata ieri, o forse è mejo di’ che so’ rinata, perché succede spesso e volentieri che dopo avemme chiusa e rattoppata in ogni condizione ed ogni clima risorto fori grossa più de prima. Tu te la piji co’ me che so’ innocente perché te fò casca’ dar motorino, o sfonno sospensioni…



Ott
10

Pigmei

Diatrìbe, voltafaccia, discussioni, polemiche, dibattiti, scissioni. Parlano solamente de alchimie, de accordi, de programmi e strategie. Messa in soffitta la rivoluzione s’avviano tutti verso l’estinzione. S’ispirano ai giganti del passato, ma so’ pigmei cor cazzo de ‘n neonato.



Set
28

Com’è bello fa’ l’amore…

Come è bello fa’ l’amore a prima sera quanno è estate, autunno, inverno o primavera. C’ho vent’anni e nun me posso regola’ c’ho l’ormoni che me stanno pe’ scoppia’. Core a core co’ ‘na pupa all’Esquilino cercai un sito pe’ appartamme a pomicia’, ma me venne in mente la malsana idea de portammela davanti a la moschea…



Set
13

Er calabrone e la farfalla

Er calabrone vide la farfalla che svolazzava allegra ner giardino. Lei annò a posasse su ‘na rosa gialla, lui se nascose dietro a ‘n rosmarino. Erano stati tempo prima assieme e s’erano voluti tanto bene. Poi ‘n giorno, senza daje spiegazione, lei lo lasciò e se mise co’ ‘n moscone. Ce soffrì tanto. Poi se tirò su…



Set
06

I tuoi passi

Quanno te regalai er telefonino provai a spiegatte come funzionava, come risponne o scrive un messaggino ma niente, nella testa nun t’entrava. Ce combattevi sempre, te imbrojavi e te ce imbufalivi se sbajavi. Nun poi sape’ le volte che hai chiamato mentre sui quei tastini smucinavi. E quanno risponnevo preoccupato sentivo solo te che camminavi. Avoja a…



Set
05

L’asteroide

Dice che più de uno ha protestato pe’ via de ‘na reclame ‘ndo ‘na mamma viene colpita in modo inaspettato da ‘n asteroide in piena testa. Un dramma. Pensa che tante volte, lo confesso (è brutto ma lo vojo di’ lo stesso), pur’io me so’ sognato dallo spazio un meteorite sopra a Juve Lazio. C’è chi ha…



Set
04

La coscienza a intermittenza

Quanno vie’ Pasqua c’è ‘n’amica mia che mette sempre la fotografia dei poveri abbacchietti macellati pe’ facce senti’ tutti scellerati: – Come si fa a restare indifferenti di fronte a quel massacro d’innocenti? – Mo quanno che j’ho detto che domani qui dietro casa quindici egiziani sgozzano ‘n’agnellino pe’ fa’ festa pensavo organizzasse ‘na protesta. Ha detto che…



Ago
04

San Policarpo

Ce so’ voluto entra’ l’altra mattina e me so’ messo a sede su ‘na panca dopo la mia corsetta mattutina, co’ un po’ d’affanno e la capoccia stanca. C’era silenzio. C’ero solo io. E me so’ messo un po’ a parla’ co’ Dio. J’ho chiesto perché m’ha lassato solo co’ tutti ‘sti fantasmi ner cervello, j’ho chiesto come…



Pagina 1 di 1412345...10...Ultima »