BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Nov
12

« Chi si loda si sbroda »

I


l nostro bravo e sobrio Presidente del Consiglio ha sottolineato, in una intervista al Corriere della Sera, che : «Non mi sento solo, non credo possa considerarsi solo uno che, per quello che possono valere i sondaggi, sembra avere un consenso superiore a quello di cui godono i partiti che lo sostengono in Parlamento».
Partendo dal postulato che, per l’intera classe politica, era al bivio di mangiare quella minestra o saltare la finestra ; visto lo scellerato modo di mentire sapendo di mentire ai cittadini (vedi crisi) ; e dulcis in fundo non dimentichiamoci la credibilità perduta nei vari scandali e postriboli.
Per i professore, è stato gioco facile mettere la cavezza ad una maggioranza mal composita, per recuperare in tempi brevi lo sfacelo istituzionale, visto che eravamo ad un passo del baratro fallimentare e senza più cr4edito internazionale.
Ma attenzione i consensi attuali, sono quelli ottenuti ob torto collo, per mettere delle pezze qua e là allo sfacelo ventennale perpetrato in Italia, aver avuto il coraggio d’iniziare delle riforme estremamente indigeste per i partiti ; paurosi di perdere consensi elettorali e clientele varie.
Avrebbe avuto praterie di consensi, ma dai cittadini, qualora avesse avuto il coraggio di cacciar via i mercanti dal tempio istituzionale ; vista la crisi in atto ridurre l’ingordigia della casta parassitaria con tagli drastici.
Avrebbe dovuto ridare credibilità alle istituzioni, infettate da corrotti e corruttori, da quanti hanno avuto a che fare con la giustizia, cricche e lobby dedite a solo loro interesse ; ma si è visto solo un tiepido tentativo.
Invece, una costante “pelatura” dei soliti noti, e con l’ingrassamento a dismisura “dei soliti noti” ; una vera politica sociale non si è percepita ma si è subito solo il costante soffocamento della crsi.
E’ passato circa un anno, e ci si avvicina lestamente alle elezioni, adesso nascono come funghi esperti in economia internazionale, cerusici delle problematiche dell’occupazione, aruspici per prevedere la riforma elettorale.
Sarà da vedere chi e come saprà rilevare quei consensi e continuare quel cammino di riforme, inderogabile un profondo rinnovamento della classe politica, andare alle elezioni con una legge elettorale degna di tale nome.
Altrimenti il Monti-bis è dietro l’angolo, ed avrà tutte le ragioni per autocompiacersi ; vista l’imbelle classe politica dedita più ai loro affari che quelli del paese, di esempi ne abbiamo avuti a iosa.

OkNotizie

Media 4.50 su 5
Share


1 commento

No ping yet

  1. Avatar
    Gianni Di Quattro scrive:

    questi non fanno inciuci politici, fanno accordi di affari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*