«

»

Set
09

Chiacchere da spiaggia


La spiaggia è un’ottima fonte di osservazione per capire che cosa passa per la testa agli italiani. Sono pur sempre chiacchere da bar, ma ogni tanto si fanno anche incontri interessanti. Destino ha voluto che quel giorno (il luogo e il nome vengono omessi volutamente) all’indomani di un comizio di Renzi in una nota località sul litorale toscano, incontro un personaggio di spicco, di proclamata fede renziana, nell’intento allo snocciolamento di dati e idee del giovane sindaco. L’orizzonte innanzi a me meritava tutta la sua contemplazione, ma la voglia di essere parte del discorso ha fatto si che mi inserissi garbatamente in questa ode renziana. Gli astanti in costume e pareo sembravano rapiti dalla storia del condottiero della città del fiore, in una sorta di adorazione metafisica sull’escursus professionale descritto dal fedele scudiero, senza peraltro porsi la semplice e diretta domanda che puntualmente arrivava dalla bocca del sottoscritto: “scusi, ma Renzi cosa ha fatto a Firenze dal 2009?”
Nonostante la calura della spiaggia sembrava che un condizionatore fosse stato acceso sotto l’ombrellone e dopo qualche secondo di smarrimento il prode araldo ha iniziato il suo elenco: le strade, la pedonalizzazione, il wi-fi!!! abbattuto un muro con la ruspa e via e via…. Ad ogni voce, come nel secondo principio della fisica, corrispondeva ad un “ohhh” oppure ad un “è vero” con tanto di annuizione con la testa… Sembrava essersi salvato, se non che, essendo io un pò figlio di madre ignota, ho incalzato l’orgasmico discorso con un semplice: “e poi?”. A quel punto, trovatosi un pò al perso, ha ripetuto i punti sopracitati utilizzando la tecnica della supercazzola, che parte dal come se fosse antani fino ad arrivare allo scarpeallaccia allaccia scarpe. Essendo gli interlocutori non più giovani ho poi preso la palla al balzo e ho chiesto se loro avessero il wi-fi in casa. Chi aveva Sky, chi non lo voleva per paura della malattie, chi pensava fosse una malattia sessualmente trasmissibile… “Ma il progetto di Renzi va oltre queste cose… riguarda il bene collettivo, è innovazione…”
Dunque ecco chi sono i sostenitori di Renzi. Un gruppo di persone sveglie che hanno capito che il giovane con la camicia bianca può essere un buon traino per poter riciclare una vecchio adagio “cambiare tutto per non cambiare nulla”. Sono tornato a mettere i piedi sul bagno asciuga e a contemplare l’orizzonte marino, anche perchè il mare ha sicuramente molte più storie interessanti e vere da raccontare.

Media 3.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*