BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Apr
18

« Colpi di stato »

parigi_presa_bastiglia

L


eggendo i vari cinguettii di Twitter, uno in particolare e ripreso dai social network in questi ultimi tempi, declamava tutto in maiuscole :
«SE IL SOVRANO SUL COLLE DECIDERÀ FINALMENTE DI FARCI VOTARE DOPO 3 COLPI DI STATO ALLE IMMINENTI ELEZIONI».
A rigor del vero, dal 2 Giugno 1946(*) ad oggi, non mi risulta che in Italia ci sia la monarchia, si sono alternati cari Presidenti della Repubblica che si sono sempre attenuti ai valori fondanti della Costituzione ; di cerimonie d’incoronazione a re non se ne sono viste.
Invece, abbiamo visto in questo secondo settennato, la solita canea della politica italiana in cui tutti sgomitano per avere un minimo di visibilità, le divisioni, correnti, conventicole ed i distinguo si moltiplicano tra i partiti e dentro i partiti stessi.
Oggi siamo alla politica delle invettive e del becerume, scambiando le istituzioni per dei mercati rionali, od ancor peggio a vedere due pregiudicati, uno che ha elevato l’insulto a programma politico, l’altro tentare ancora di avere leggi ad personam.
Alla sua rielezione, hanno concorso la stragrande maggioranza dei partiti e pseudo tali, spellandosi poi le mani al suo discorso d’insediazione, mentre qualche quotidiano ha assunto la veste del costituzionalista, facendo i distinguo
se fosse costituzionale o meno la rielezione di Giorgio Napolitano alla Presidenza della Repubblica.
Se è stato rieletto, non mi pare con un colpo di stato, ma bensì per la solita miopica gestione politica ; s’è visto bene lo spettacolo indecoroso per la candidatura dei vari personaggi.
“Un colpo di Stato (noto anche con i vari sinonimi utilizzati a livello internazionale di: coup d’État, golpe de Estado o semplicemente golpe, putsch, pronunciamiento oalzamiento) consiste in un atto violento ed illegale, posto in essere da un potere dello Stato e diretto a provocare un cambiamento di regime.
In Colpo di stato: un manuale pratico, lo storico militare Edward Luttwak dice: “Un colpo di Stato consiste nell’infiltrazione di un piccolo, ma fondamentale, segmento dell’apparato statale, che viene poi utilizzato per spostare il governo dal suo controllo”; così la forza armata (sia militari o paramilitari) non è una caratteristica distintiva di un colpo di Stato”[fonte Wikipedia].
Quindi, il fatto di citarlo ad ogni concione verbale o scritta, è solo per berciare dal proscenio politico, ed attirare visibilità e consensi, niente di più niente di meno ; dimostrando la pochezza di argomenti per avviare un confronto politico costruttivo.

* vedi video

Media 4.00 su 5


1 commento

No ping yet

  1. Max Miniati
    Max Miniati scrive:

    Hanno sbagliato la forma e la dicitura. Però bisogna riconoscere che sono tre presidenti del consiglio non eletti dal popolo.
    Tutto il resto è vero…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*