«

»

Giu
26

« Com’è strano il nostro paese »

S


iamo in piena tempesta politico mediatica, per la condanna al povero perseguitato, un caso d’estrema violenza ; da denunciare ad Amnesty International e alla Corte europea per i diritti dell’uomo.
Solo un piccola riflessione, forse vi sono due classi d’imputati, quello che pretende l’impunità in nome della legittimazione elettorale , e quello di privato cittadino ; quindi chi si dedica alla politica, di fatto avrebbe un salvacondotto per violare le leggi a suo piacimento. giustizia_vauro Ergo, viste le dichiarazioni assordanti dei fedelissimi e peones del B, visto che lo hanno votato 7,3 milioni di cittadini, gli stessi gli hanno conferito d’essere al disopra a tutto e tutti ; il resto della nazione vassalli dell’unicum.
Senza entrare nel merito giuridico, a differenza dei plotoni di giuristi anti/pro Berlusconi, viene il dubbio che se una persona normale, o meglio miliardario, la vedo male che un impiegato/operaio/pensionato ; si sollazza in cene eleganti con leggiadre fanciulle procacciate da lenoni, essendo un fatto privato al massimo si può tacciare come consumatore finale di prestazioni sessuali a pagamento o a gentile omaggio.
Sempre questo “privato cittadino”, si diletta con minorenni il problema cambia aspetto, può forse essere tratto in inganno e non sapere la vera età, ma deve dare prove certe ed inconfutabili di quanto asserisce.
Invece il povero perseguitato, con giravolte legali carpiate, ha definito le cene eleganti ed al massimo qualche spettacolino di burlesque, accompagnato da musiche ed il classico trenino brasileiro ; quindi il tutto ammantato di un innocente modus gaudendi.
Ma la storia ha atri connotati, a quanto raccontato a sua difesa, le intercettazioni sono uno squallido spaccato di prostituzione, un mercimonio in piena regola ; nascondendosi dietro la veste di benefattore messe tutte a libro paga e con ricchi donativi.
Ed il tutto nasce dall’incauta telefonata, tanto controversa, che ha scatenato la valanga mediatica con risvolti giudiziari, un vera chicca fu la storia della nipotina egiziana, con una difesa parlamentare degna di una pièce teatrale, personcina già nota alla Polizia per altre faccenduole.
Adesso siamo arrivati alla prima tappa giudiziaria, si dovrà attendere l’appello e poi la Cassazione, di queste vicende ne ben aduso, su Wikipedia se contano una trentina ; e grazie allo status politico i numerosi procedimenti penali, nessuno dei quali si è concluso con una sentenza definitiva di condanna per via di assoluzioni, declaratorie di prescrizione, amnistie e depenalizzazioni dei reati contestati [fonte Wikipedia].
Questa mole enorme di procedimenti, solo un ricco miliardario con televisioni e giornali di sua proprietà, può sopravvivere pagando parcelle milionarie, e per averli a portato di mano, alcuni nominati a palazzo.
Adesso, non ci resta che seguire questa soap opera giornaliera, dove ci saranno manifestazioni e talkshow di giuridici, ma forse il fatto particolare è la stranezza di averlo ancora sullo scranno a dettar legge nei suoi deliri d’onnipotenza, mah !

Media 4.60 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*