BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Ott
30

« Come volevasi dimostrare il primo partito è l’astensione »

C


ome ormai si vedeva dalle varie analisi fatte da tanti aruspici, il primo partito italico ad avere la maggioranza assoluta è “l’astensione” ; cartina tornasole di quest’evento sono state l’elezioni siciliane, rispettando appieno le previsioni.
Ormai gli italiani ne hanno piene le tasche di questa casta che è stata solo capace di fomentare antipolitica, adesso che sente aria d’elezioni tutti ad osteggiare i tagli delle spese, per farsi vedere bravi ai propri orticelli elettorali.
Questa prima tornata d’elezioni regionali, è il chiaro esempio di come le alchimie politiche sono a caccia di consensi, i partiti solitari rischiano l’estinzione ; senza coalizioni sono sotto attacco dei movimenti variegati che erodono consensi e danno spazio ai movimenti populisti.
La mala politica a tutti i livelli dalla casta allla P.A., è stata capace di creare un moto di repulsa verso tutto e tutti ; non passa giorno che si legge di nuovi indagati a vario titolo ed arrestati ; ormai la Magistratura lavora a pieno regime su questa classe parassitaria.
Quello che sarà interessante da vedere, se il nuovo governatore ed i nuovi consiglieri, saranno capaci di spazzar via tutte le soperchierie e ruberie fatte in questi ultimi anni ; Il deficit del bilancio regionale ammonta a circa 6 miliardi di euro ; è stata la gestione dove si è vista il clientelismo più afferrato oltre al familismo d’ogni livello e sorta.
A seguire poi ci saranno le elezioni in Lombardia, Lazio ed anche il Molise per magheggi sulle votazioni, confermando poi i vari carrozzoni che si portano dietro vedi municipalizzate, partecipate, ex controllate, holding regionali e quant’altro ; con uno sperpero di denaro pubblico senza pari nel mondo.
Una nota di colore è stata la dichiarazione del candidato governatore Giancarlo Cancelleri, che ha sottolineato che i deputati del M5S saranno ”come le zitelle acide, non andiamo con nessuno” ; sarà interessante vedere dove andranno.

OkNotizie

Media 4.71 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*