BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Gen
30

« Crisi & Scioperi »


A quanto pare, per il ‘governo tecnico’, rimettere a galla il paese è decisamente un opera titanica ; ad una parvenza di sostegno politico,oserei dire alieno, lo scontro tra le corporazioni, lobby, e gruppuscoli con qualche infiltrazione opaca, per salvaguardare certi privilegi. Ma bisogna premettere, che lo sciopero inteso nelle sue forme democratiche per la salvaguardia dei posti di lavoro e dei diritti dei lavoratori è inalienabile, ma quelli manipolati ed estemporanei con un sottobosco di ‘mazzieri’ per imporre, non mi sembrano in sintonia ma sono solo la dimostrazione della fragilità dei sindacati veri e propri.
L’azione di semplificazione ha una sua ragione d’esistere, visto l’incancrenirsi di certe situazioni di quasi monopolio, diventando stucchevoli tanto le giustificazioni addotte che certe manifestazioni al limite del risibile.
L’aver bloccato merci e materie prime, ha avito come risultato fabbriche chiuse, mercato nero per prodotti agroalimentari e carburanti ; ma solo in una certa parte del paese, che invece di creare consensi, ha dimostrato di come sia facile manovrare certe categorie.
E’ pur vero, che in Italia si sta vivendo una situazione di profondo disagio sociale, la crisi dei posti di lavoro accompagnata da un precariato, crea quello stato d’incertezza quasi endemico ; ma bisogna trovare altre strade creare dei tavoli di discussione per le varie situazioni in essere.
Se si vuole continuare con l’andazzo che la crisi non c’era, dovremmo aver per monito quello che sta accadendo in Grecia, renderci conto una buona volta che il periodo delle vacche grasse è finito, che il ceto medio sta scomparendo riportandoci indietro nel tempo dove esistevano solo grandi ricchezze ed il popolo dei poveri.
Purtroppo, non avendo più una classe politica degna di tale nome, e vedere i sindacati in balia delle corporazioni, non promette nulla di buono ; ma la speranza è sempre l’ultima a morire ed in Italia può sempre accadere il miracolo di ‘capire’.
Però egregio governo tecnico : “Non mollare sui costi della politica” sono in molti a chiederlo.

OkNotizie

Media 4.33 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*