«

»

Giu
05

« Dalla padella alla brace con i gabellieri »

P


remesso che la “bieca Equitalia, come si legge su Wikipedia, è :
Con la costituzione di Riscossione S.p.A., che nel 2007 ha cambiato nome in Equitalia S.p.A., il servizio nazionale della riscossione dei tributi è tornato in mano pubblica. La riforma della riscossione è avvenuta con l’entrata in vigore dell’art. 3 del decreto legge n. 203 del 30 settembre 2005 deliberato dal Governo Berlusconi III, convertito con modificazioni nella legge n. 248 del 2 dicembre 2005. fisco_tasse Quindi abbiamo appurato la sua nascita e per mano di chi, ci sarebbe d’accertare chi abbia dato tutti quei poteri vessatori, voraci fauci che hanno portato alla disperazione tanti italiani, ed alcuni a compiere il tragico gesto.
Appare in tutta evidenza, che andrebbe ridimensionata e regolamentata la sua attività di gabelliere, dandosi un aspetto umano e saper discernere tra la malafede dell’evasore e le difficoltà o errori di gente comune.
Adesso in tutta il paese è partita la crociata contro Equitalia, che ci ha messo del suo per trovarsi in questa situazione, manifestazioni in diverse città per portare le istituzioni davanti alle proprie responsabilità ; e già qualche sindaco sta operandosi per sostituire il sistema di riscossione.
Però, questo tornare indietro alla gestione privata, non sembra tutto rose e fiori, gli aggi e le spese sono molto più cospicue rispetto ad Equitalia, che ovviamente ricadranno sempre sul povero contribuente ; si legge che si arriva anche al 30% contro il precedente 9%.
Visto questo nuovo governo di larghe intese, sarebbe stato il caso di creare rapidamente una commissione, legiferando rapidamente per contesto nazionale e non a libera scelta dei comuni.
A questo la razionalizzazione dei tributi, con una vera riforma fiscale, non i soliti pannicelli caldi o la leggina per gli amici degli amici ; ormai è evidente che tra imposte, tasse e balzelli si è arrivati alla buccia, non c’è altro da spremere.
Comunque sia, questa storia, avrà due risvolti di cui il primo sarà la riduzione del personale Equitalia o sua ricollocazione, il secondo quello delle tariffe più onerose; conseguenti dalla gestione privatistica il cui scopo principale sono i profitti.
Se gli intenti del governo era la semplificazione, non mi sembra proprio la strada giusta, siamo alle solite vecchie soluzioni improvvisate, dove politica ed affari s’intrecciano da tempo immemorabile.

Media 4.50 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*