BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Feb
06

Dalla rete si legge Facebook di Paola Grandin

dallarete01


Ci hanno allevati con i films western dove il cowboy era buono e l’indiano il cattivo.
ci hanno inculcato l’idea che i buoni ed onesti stanno da una parte ed i delinquenti disonesti dall’altra, a blocchi, a compartimenti stagni secondo un ideologia dell’appartenenza studiata a tavolino per manipolarci meglio.
I Partiti usano questo metodo per assembrare le masse….riunire una parte del popolo secondo idee e fini condivisi per ottenere potere e consenso.
Peccato che invece i buoni ed i cattivi ci stanno mescolati da tutte le parti. Ho conosciuto imprenditori onesti e altri farabutti che non ci pensano due volte a sfruttare e a fare concorrenza sleale, ho conosciuto dipendenti privati e statali che svolgono eticamente le loro mansioni ed altri ladroni parassiti, ho conosciuto gente del sud che lavora sodo a dispetto delle dicerie e gente del nord che aspetta i sussidi senza aver voglia di lavorare.
Eppure leggo sempre qualcuno che tende a suddividere i buoni ed i cattivi, gli onesti o ladri, secondo settori a loro più consoni. Mi vien da pensare a cosa può essere dovuto… invidia sociale, ingenuità oppure malafede?

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*