BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mag
13

Destino, Origine, Comunità: il pensiero D.O.C.

marcello_veneziani


“Qual è il pensiero che ci fa stare al mondo? Circondato dal nulla c’è un pensiero che si spande sopra di noi, dentro di noi, intorno a noi. È il pensiero del destino, dell’origine, della comunità. Il pensiero che compendia altezza, profondità e latitudine della nostra vita; il pensiero che abbraccia il futuro, il passato e il presente e raccoglie il senso compiuto della vita sull’orlo del suo perdersi. Il destino va oltre il futuro, l’origine va oltre il passato, la comunità va oltre il presente. Insieme disegnano la condizione umana.
Il senso del destino (DIO) proietta l’esistenza in un disegno intelligente, anche se poco comprensibile, ed è la paternità della nostra vita che guida la sua traiettoria e la orienta. Il senso dell’origine (PATRIA) annoda il vivere a un grembo di provenienza, che è la maternità del nostro venire al mondo, il luogo più vero dell’accoglienza. Il senso della comunità (FAMIGLIA) connette la nostra vita a quella di chi è consorte, a partire da chi è più affine, più caro e vicino, ed è il vincolo fraterno e filiale della vita.
Destino, origine, comunità: è questo il pensiero doc, anzi d.o.c., il doc.umento del nostro essere al mondo. L’essenza del pensiero doc, sbucciato da ogni involucro storico, teorico e retorico, è nel connettersi; il pensiero religioso, originario e comunitario sorge collegandosi. Quel pensiero essenziale genera amore – a partire dall’amor fati, che è accettazione della vita, del mondo, della realtà – e suscita il ritorno, come un passato che chiama al futuro, si rigenera evocando la nascita. Amore per l’invisibile e per il visibile, per il presente e per l’assente, o non più presente o non ancora presente.”

Media 3.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*