«

»

Dic
04

« Di questo passo ritorneremo all’antico »

Record Berlusconi tasse - Nonleggerlo

O


rmai dai tempi delle gabole del televenditore, poi del sobrio governo tecnico ed infine dal governo delle larghe intese ; è solo e soltanto tosare i soliti noti, un lento ma continuo imbarbarimento della tassazione selvaggia.
La lotta all’evasione, ma quella vera, resta sempre ai verbi difettivi, salvo la spettacolarizzazione di azioni da commandos fiscali nei luoghi simbolo della ricchezza ; mentre quella strisciante da piccolo e medio cabotaggio continua la sua strada d’evasione fiscale cronica.
Dall’analisi fatta da Transparency international , leggi articolo,
l’Italia è al 69mo posto ,ma il vero problema è quello che per sopperire agli sprechi della politica e delle P.A., si prosegue sempre al strada della tassazione dove è più facile reperire con certezza ergo stipendi e pensioni.
Difatti, da un analisi si scopre che


Le tasse? Le paga il ceto medio. Secondo l’analisi sulle dichiarazioni dei redditi del 2012 i contribuenti sono 41,3 milioni e in totale hanno versato 152,2 miliardi di euro, cui si deve aggiungere la somma di 14,4 miliardi per le addizionali regionali e comunali. In totale sono 166,6 miliardi. Non pagano però i 9,8 milioni di contribuenti che sono tutelati dalla no tax area – che dai 4.800 euro per gli autonomi, agli 8 mila per i dipendenti, passando per i 7.500 dei pensionati – oppure che annullano l’imposta con le detrazioni, per esempio delle spese sanitarie. E secondo l’Istat, nel nostro Paese sono 9,5 milioni i cittadini in condizioni di povertà che tradotto significa il 16% di italiani ha difficoltà ad arrivare a fine mese. .. [Fonte cadoinpiedi.it]


Adesso prende sempre più piede l’antico sistema medioevale del baratto, di comprare dai piccoli negozi od ancor meglio dai piccoli produttori ; la parola d’ordine è “risparmiare”, centellinando ogni centesimo d’euro per arrivare alla fine del mese.
Poi, chi ha fatto la formichina per crearsi un gruzzoletto per la vecchiaia o gli imprevisti, se li vede rosicchiare dalle termiti delle banche e delle tasse, ancora scottante il furto perpetrato di notte di un certo ministro che gode di diverse pensioni faraoniche e non molla ancora lo scranno.
Tutto ciò , pone il problema a chi ha i risparmi in banca o alla posta, di metterli nel materasso come ai tempi antichi, tenendo vicino la porta un nodoso deterrente.
Certo è, che di questo passo non andremo molto lontani, l’impoverimento delle classi sociali medio piccole è sotto gli occhi di tutti ; ormai il 10% degli italiani garantisce da solo il 50 per cento dell’intero gettito Irpef, come dai dati del Ministero dell’Economia ; domandina per i bravi politicanti di qualunque colore o schieramento, e l’altro 90% ?

Media 4.33 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*