«

»

Gen
22

« E volano gli stracci in casa PD »

A


Quanto pare il “#CoeRenzie”, dal suo insediamento, sta facendo tabula rasa di chi non la pensa come lui; grazie alla sue battute sarcastiche che spacciano per frecciatine ; prima il Fassina poi il Cuperlo hanno dato il benservito e si sono dimessi.ilragazzocopertina
Premesso che con 111 favorevoli, 34 astenuti, nessun contrario ; è passato il progetto di riforma elettorale renziano, sulla base del postulato : “Se qualcuno pensa di intervenire in Parlamento per modificare qualcosa di fondamentale, sappia che manda all’aria tutto: questa non è una riforma ‘a la carte’. O si fa tutto il pacchetto o viene meno l’accordo”.
Con il Fassina bastò un semplice chi “?”, con Cuperlo, rinfacciandogli l’elezione in Parlamento in un posto sicuro, è andato giù di pesante dichiarando : “Gianni, avrei voluto sentirti parlare di preferenze quando vi siete candidati senza fare le primarie. Se me lo dice Fassina che ha preso 12 mila preferenze alle primarie ok, ma non chi è entrato con il listino”; una vetriolata galattica.
A quel punto Cuperlo è uscito dalla sala, “vedi il video”.
Quindi l’Italicum, salvo aggiustamenti, non si discute, anche se è stato fatto e deciso da due extraparlamentari ; essendo il Renzi non eletto ed il #pregiudicato decaduto, ma nella nostra Repubblica delle banane è tutto possibile ; anche violare i dettami della costituzione con l’arroganza del potere.
Allora, prepariamoci per i prossimi mesi alla versione “renzusconi”, alla faccia del rinnovamento, tanto i big potranno continuare a presentarsi in più collegi e poi cedere il posto ai loro nominati.

Media 4.33 su 5


1 commento

No ping yet

  1. Bea Wengel scrive:

    Bravo!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*