«

»

Set
15

Endorsement a stelle e striscie

endorsement

O


ltre al martellamento renziano e mediatico, adesso ci si mette di mezzo anche gli USA,
l’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia John Phillips ospite del Centro Studi Americani ha dichiarato: “Il referendum offre l’opportunità di garantire la stabilità del Governo“; un chiaro segnale di quale sia l’orientamento dell’amministrazione Usa a proposito della riforma della Costituzione Renzi-Boschi.
Il capo dello Stato, da Sofia dove è in visita istituzionale, ha dichiarato a chiare lettere che: «il mondo si è molto interconnesso: quindi ogni avvenimento che avviene in un paese importante, e l’Italia è un paese importante, è seguito con attenzione anche all’estero. Naturalmente questa considerazione non muta in nulla il fatto che la sovranità sia demandata agli elettori».
Tradotto in parole povere, alla Di Pietro, ma che c’azzeccate con i casini italici ma pensate ai vostri che sono ben più gravi per le elezioni presidenziali; non solo ma dove esportate democrazia è sempre una guerra disumana che coinvolge migliaia di civili e la distruzione di città, paesi ed infrastrutture.
D’accordo che, nel dopoguerra la carità pelosa del piano Marshall, abbia aiutato il paese a risollevarsi dalle rovine della guerra, ma anche se vassalli per le varie installazioni militari, la sovranità italiana è e resta solo italiana.
Anche i politi hanno detto la loro:
Duramente Pier Luigi Bersani dichiara: “Sono cose da non credere… Ma per chi ci prendono? … Qui c’è una cosa di fondo: aver allestito un appuntamento come fosse un giudizio di Dio darà fiato alla speculazione finanziaria e a tutti quelli che vogliono mettere mano sul nostro destino. Chi può deve raffreddare questo clima. Perché il giorno dopo il referendum, sarà tutto come il giorno prima. Con lo stesso governo e con gli stessi problemi. Teniamo i piedi per terra”.
Al vetriolo la dichiarazione di Matteo Salvini: “Il signor ambasciatore Usa si faccia gli affari tuoi e non interferisca, come troppe volte è già accaduto in passato, nelle vicende interne italiane… Spero che a novembre vinca Trump che ha già garantito che si occuperà delle questioni di casa sua “.
Forza Italia seccamente ha dichiarato: “Ricordiamo all’ambasciatore americano Phillips l’art. 1 della nostra Costituzione: la sovranità appartiene al popolo italiano”
Ma a detta di molti, ci sarebbe voluta una figura istituzionale più forte, tale da invitare gli Stati Uniti al richiamo e sostituire l’Ambasciatore, vista la sua ingerenza e sic! Scarsa diplomazia.

Media 4.00 su 5


1 commento

No ping yet

  1. attikus scrive:

    comunque gli endorsement americani portano sfiga: l’invito di obama a votare contro la Brexit docet!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*