BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Feb
10

Er monito de Ciceruacchio

marazico01-framed


Romani, io ve vedo da quassù.

Quanno me ne so ito era ‘n giardino,
ma adesso nun la riconosco più:
è diventata tutta un gran casino.

Ma quello che me fa più male ar core
è contemplà la rabbia ed il rancore,
che l’uno contro l’altro dimostrate
quanno per ogni cosa baccajate.
Sete delusi, tristi, scojonati,
cattivi, immusoniti, rassegnati.

So nato baciapile e papalino,
so morto magnapreti e giacobino.
Assieme a Garibaldi so partito,
era l’estate der quarantanove.
Dove finisce er Po m’hanno tradito
e chi sa come annò ce se commove.
Pe’ davve a tutti quanti un bel futuro
semo finiti dritti in faccia a ‘n muro.
Pe’ Roma e pe’ l’Italia forte e unita
assieme co’ mi fijo diedi la vita.

Ho fatto bene? Io penso de sì.
Pe’ certe cose è giusto de morì.

Ma sappi che ogni cosa è assai precaria.

Ricòrdate che er bene più prezioso,
come preziosa è l’acqua, come l’aria,
è la tua libertà.
Se è faticoso
capì che quer che a te sembra scontato
‘na volta a tutti quanti era negato,
prova a trattenè er fiato pe’ un minuto,
prova a nun beve quanno sei assetato,
e forse capirai che chi è caduto
la cosa più importante t’ha donato.

Nun credere però che ciò sia eterno:
ce vole un niente a fa’ torna’ l’Inverno.


Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*