BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
03

Guardarsi dai professionisti della violenza di Ennio Simeone


ORA DI PUNTA


Nonostante che si manifestino sempre più ampi dissensi o nette dissociazioni dalle loro agitazioni, i “No Tav” vanno avanti nelle loro azioni, incuranti del fatto che le loro file si vadano popolando sempre più di mestatori, picchiatori, provocatori, che nulla hanno a che fare con la difesa dell’ambiente e con i motivi (giusti o sbagliati che siano) delle proteste contro la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione. Nelle loro file si sono ormai inseriti i professionisti del ribellismo e della violenza, il cui unico obiettivo è la destabilizzazione della società, e quindi cavalcano qualunque situazione di malessere e qualunque occasione di assembramento, anche pacifico, purché vi serpeggi un filo di rabbia.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*