BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
12

I due comignoli di Stefano Clerici


ORA DI PUNTA


Eccoci tutti qui, aspettando che da due “comignoli” esca una fumata bianca. Il Papa si farà, molto probabilmente, in pochi giorni. L’aver tirato un po’ a lungo l’apertura del Conclave, per molti osservatori è il segno che quando i cardinali saranno chiamati al voto avranno già le idee tanto chiare da poter veder presto affacciarsi dalla Loggia il nuovo pontefice, prescelto magari dopo una silenziosa ma feroce lotta fratricida tra porporati cosiddetti riformisti e fedelissimi della Curia (ma questo probabilmente non lo sapremo mai).
Ben diverso è invece al momento il discorso per quel che riguarda il “comignolo” di Palazzo Chigi. La situazione, come si suol dire, è di totale stallo. Qui non decidono un centinaio di cardinali “inchiavardati” in San Pietro, ai quali è concesso perfino di invocare anche l’aiuto dello Spirito Santo. Qui decidono i mille e più eletti pochi giorni fa dal Popolo Sovrano, gran parte dei quali mettono piede in Parlamento per la prima volta. Segno di novità, certo, ma anche di grande inesperienza.
Allora, che cosa dobbiamo aspettarci?
Un governo Pd con la fiducia dei “grillini” pare, al momento, avere le stesse possibilità di completare in un mese l’autostrada Salerno-Reggio Calabria. Vale a dire: zero. La possibilità di un accordo di maggioranza Berlusconi-Bersani ha le stesse possibilità di veder definitivamente risolto in un mese il problema dei rifiuti in Campania o nel Lazio. Vale a dire: zero. E allora quale futuro ci aspetta?
Possibilità che si torni al voto: 90 per cento (30% subito, 60% in autunno); possibilità che, nei mesi che mancano al ritorno alle urne, la speculazione finanziaria internazionale ci massacri: 99 per cento; possibilità che i nuovi parlamentari eletti dal Popolo Sovrano abbiano capito che sono tutti, neofiti compresi, con il cappio al collo e che sarebbe bene comune recidere la corda, senza invece insultare il proprio vicino di forca, facendo finta d’essere “diversi”? Purtroppo, i più accreditati bookmaker non danno più del 20%.
Signori miei, sapete che vi dico? Aridatece er Papa Re!

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*