BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Dic
16

Il bivacco di Stefano Clerici


ORA DI PUNTA


Ariecco la Lega del cappio. Stavolta i “bravi” di Bossi non avevano corde da agitare, bensì solo cartelli da esibire. Ma con lo stesso violento disprezzo. Lo spirito era identico a quello di quel mai dimenticato appuntamento parlamentare avvenuto nei burrascosi tempi di Tangentopoli. Ovvero, lo spirito del più becero estremismo, ostentato con menefreghismo e arroganza nei luoghi in cui, con coscienza e serenità, vanno prese solenni decisioni per il futuro del Paese. Lo stesso menefreghismo che, allora, in un batter d’occhio portò la Lega del cappio a cambiare bandiera e a sposare – per pura convenienza – la politica di Berlusconi, che Bossi aveva appena battezzato il “mafioso di Arcore”.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*