BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Ott
18

Il bullo è da contrastare fin dalle scuole di Annalisa Giuseppetti


Quel bullo, diventerà grande e continuerà nella sua impresa.
Il bullismo scolastico si amplifica e da grandi si diventa prepotenti, sapientoni, prevaricatori, sparlatori e getta fango, disposti a tutto per sovrastare l’altro.
Te ne accorgi al supermercato, in banca, in fila alla posta, dal medico di base, dal condomino ed in ogni ambiente in cui ci sia un minimo di competizione.
Già, non è altro che l’ingoranza e il volersi imporre ad ogni costo che lo genera.
Ci sarebbe da dire che poi, anche i bambini bullizzati crescono e si vendicano, diventando anche loro dei bulli.
Diventano cattivi e ripropongono atteggiamenti infantili.
Un cane che si morde la coda. O meglio un umano che morde il suo vicino, come fosse uno zombie, un vampiro assetato di sangue, che avendo contratto il morbo che avvelena la sua mente ed il suo corpo, non riesce a trattenersi e continua a trasmettere una sorta di epidemia. Bulli e bullizzati continuano a mangiarsi fra loro.
Ma ci sarà un vaccino? Non lo so, C’è chi si appella all’anima, chi all’educazione e chi al suo Dio o a quel detto: “Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te”. Una frase profonda, non banale, con la quale ci dobbiamo confrontare ogni giorno.
Dietro lo schermo ci sono le persone. Dietro alle scrivanie ci sono le persone. Dietro ad una fila alla posta, pure.
Già, le persone. Una parola di cui ci dimentichiamo spesso prima di agire e reagire.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*