«

»

Gen
16

« Il DUX firenzese »

C


ome diceva il “divino Giulio”, il potere logora chi non ce l’ha, ed il bravo cittino da Firenze non è proprio logorato anzi è poliedrico multiforme, s’infila nei talkshow come una prima donna, il suo pensiero è un dogma per i renziani alla stessa stregua dei “Scientocasalgrilneurodipendenti”. na_sega E’ talmente tronfio del suo potere, che l’assemblea cittadina (firenzese) del Pd ha ratificato la ricandidatura di Matteo Renzi ; e lui il DUX ergo niente primarie anche se il Pd avesse la larvata idea di presentarsi al voto con una coalizione.
Quindi il nostro antropologicamente diverso, nel senso che ha ‘pluriconcuisiede’
per le poltrone che vuol occupare, e nessuno può permettersi di contrastare tale desiderio d’onnipotenza.
Difatti dopo le primarie del PD, nel quale ha avuto un completo successo, l’appetito vien mangiando, perché accontentarsi solo della poltrona di segretario del PD, vista la vacuità politica del partito, meglio fare il pierino della classe ed approfittarne.
E per meglio essere chiari la sua “fanpage.it” scrive :


Secondo i vertici del Pd fiorentino in sostanza dopo le primarie per l’elezione del nuovo segretario nazionale e la schiacciate vittoria di Renzi, non era il caso di sottoporre il numero uno del partito ad una nova tornata elettorale interna. Alle primarie dell’8 dicembre Renzi “ha ottenuto circa 37mila voti, pari a quasi l’80 per cento dei voti espressi, dato superiore al numero complessivo dei voti espressi dagli elettori nelle primarie di coalizione per la candidatura a Sindaco nel 2009″ viene spiegato infatti nel documento finale approvato, concludendo “pare davvero inopportuno sottoporre il Segretario nazionale del Partito democratico nuovamente a primarie così ravvicinate”.


Pertanto, “importa na sega” del pensiero dei militanti o elettori del PD, io so io e voi…..

Media 4.33 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*