«

»

Ott
03

« Il giorno delle giravolte politiche »

banderuola

O


ggi, abbiamo assistito alla più pittoresca giravolta di pensiero politico del #pregiudicato, nemmeno la più fervida mente di soap opera poteva pensare a questo finale, dopo mesi di ricatti e bercii dello zoo arcoriano ; un rientrare nelle fila ma con travaglio interione, che non ci è dato di sapere.
Unico dato di fatto incontrovertibile, è stata la Caporetto del Pdl, dopo anni di vessazioni personali hanno cominciato a drizzar la schiena ; liberandosi dalle catene di un servilismo asfissiante, dedito solo agli ammorbanti interessi del padrone.
Adesso, in una forma federativa, si avrà Forza Italia con i fedelissimi e i secessionisti nel Pdl ; un nuovo scenario del centro destra, ma sarà la prova dei fatti a dire quanto durerà.
La grandiosa sceneggiata delle dimissioni in massa, ivi compresi i ministri, si è conclusa nel nulla, o meglio ha dato vita ad un nuovo scenario politico per il governo Letta bis.
Basta vedere cosa è successo con il voto di fiducia al Senato, doveva essere la Waterloo di Letta, invece la fiducia è arrivata con ben 235 sì , di contro 70 no e un astenuto ; 14 gli assenti.
Nel Pdl, ha votato no alla fiducia Vincenzo D’Anna , mentre non risposto alla chiama : Sandro Bondi, Augusto Minzolini, Rocco Crimi, Manuela Repetti, Alessandra Mussolini e Francesco Nitto Palma.
Quanto alla Camera, il PD ha la maggioranza assoluta, quindi solo la formalità del discorso e relativi programmi del Letta bis ; adesso non resta che vedere se riusciranno a rimettere in moto le linee programmatiche.
Sulla rete sono ribolliti i messaggi pro e contro, ma un commento su Facebook à la sintesi di quanto si legge in rete :
La triste sintesi è questa: una partita a scacchi in cui l’unico interesse non è tutelare il governo, ma la poltrona; votiamo-no; allora-facciamo-un-gruppo-e-ti-sfasciamo-il-partito; votiamo-si-cosi-vanifichiamo-il-vostro-gruppo ; noi-il-gruppo-lo-facciamo-ugualmente; accidenti-allora-votiamo-no-così-poi-facciamo-gli-oppositori-paladini-antitasse; ma-poi-ricambiamo-idea-così-facciamo-i-martiri-e-passiamo-il-tempo-a-criticare-il-governo-e-magari-il-gruppo-non-lo-fate-più. E Gasparri l’ha detto poco fa in modo chiaro: cosa conta la coerenza? è più importante tutelare l’unità del partito. Ergo: non ha vinto alcuna idea, la fiducia è solo un gioco a scacchi per il possesso della poltrona, hanno vinto i politicanti, ha perso tutta l’Italia. Un solo commento: buffoni.” [Fonte Falbalà MM]
Che dire se non condividere, ma questo video è una vera chicca di politichese

Media 4.60 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*