BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Dic
05

Il grillo il gatto e la volpe di Stefano Clerici


ORA DI PUNTA


Se è vero quanto si è letto sui giornali e da quanto si intuisce sfogliando il regolamento (che non è proprio chiarissimo) del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo e il suo braccio destro Gianroberto Casaleggio non hanno alcuna intenzione di rinunciare ai tanti milioni di rimborso spese previsti per i gruppi di Camera e Senato. Pertanto – pur nella nobile intenzione di evitare le porcherie di qualche infedele tesoriere – hanno deciso che li gestiranno direttamente loro. Gli oltre 1400 candidati alle “parlamentarie” online organizzate da M5S si sono visti recapitare un “testo ufficiale, predisposto da uno studio legale, che è necessario sottoscrivere”, pena l’esclusione dalla competizione. Dunque, è prevista “la costituzione di due ‘gruppi di comunicazione’, uno per la Camera e uno per il Senato”, che “sarà definita da Beppe Grillo in termini di organizzazione, strumenti e di scelta dei membri “.
Alla faccia della trasparenza e dell’autonomia! Neppure Berlusconi – padre-padrone per antonomasia del suo partito – era mai arrivato a tanto. Oltretutto – particolare non trascurabile – il regolamento di Camera e Senato è chiaro: ogni gruppo deve avere un tesoriere e un bilancio certificato da una società di revisione e i parlamentari hanno diritto ad autogestire le risorse.
Qualche voce s’è già levata all’interno del movimento contro questa clausola-capestro, ma come al solito al comico-politico non gliene può fregare di meno. E se mai dovesse pensare che faccia parte della “comunicazione” anche l’acquisto (con soldi pubblici) di muta, maschera, pinne e boccaglio per una prossima nuova traversata dello Stretto, vuole poterlo fare.
Qui, più che il Grillo Parlante ci pare di vedere all’opera il Gatto e La Volpe.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*