«

»

Ott
09

Il megafono degli ignoranti di Ennio Simeone


ORA DI PUNTA


Enrico Mentana sta trasformando il suo telegiornale su La7 nella pattumiera di Grillo e dei grillini, chiamando di tanto in tanto Travaglio a dargli una mano. Stasera, con la voce impostata sui toni che gli hanno guadagnato il soprannome di “mitraglia”, ha sparato la notizia di uno “scontro tra Napolitano e il Movimento 5 stelle”, quando correttezza e obiettività avrebbero voluto che parlasse di un volgare, ingiurioso e reiterato attacco unilaterale di Grillo e dei grillini al presidente della Repubblica. I suoi pupilli, infatti – non si sa se per semplice ignoranza o per ignoranza messa al servizio della insinuazione – attribuiscono a Napolitano il disegno di voler usare la situazione delle carceri per andare in soccorso di Berlusconi. Essi ignorano, o – e sarebbe peggio – fingono di ignorare, che il presidente della Repubblica ha solo il potere di mandare messaggi al parlamento, ma è solo questo che ha il potere di elaborare ed approvare (con la maggioranza dei due terzi!) provvedimenti come l’indulto e l’amnistia. Non solo. Ignorano, volutamente, ciò che nel messaggio di Napolitano è scritto chiaramente: la raccomandazione a deputati e senatori a non concedere eventuali provvedimenti di clemenza, mirati a sfoltire le carceri, a coloro che siano stati condannati per reati particolarmente infamanti e che destino allarme sociale, come i reati finanziari (nei quali rientra la frode fiscale per la quale è stato condannato Berlusconi, che peraltro ha già usufruito dell’indulto di 3 anni). E’ immaginabile che Mentana queste cose le sappia, come le sa Travaglio, il quale, opportunamente interpellato senza contraddittorio, ha continuato imperterrito a rilanciare le insinuazioni grilline attraverso il video messogli a disposizione da La7. Se poi gli ascolti di “mitraglia” calano dalle stelle alla stalla non c’è da meravigliarsi.

Media 3.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*