BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Ott
01

Il nulla che avanza


Il mio direttore mi bacchetta di continuo per la scarsità di materiale prodotto in questi ultimi tempi. Avrò iniziato due o tre post che si sono arenati a metà quando più scrivevo e più mi accorgevo che stavo urlando ad un deserto. Eppure di fatti ce ne sarebbero da commentare, ma niente di diverso da quello che ho già abbondantemente scritto dal 2009 ad oggi. Vogliamo parlare della censura della stampa? L’episodio di Sallusti lascia molto a riflettere anche per chi, come noi semplici blogger scriviamo di “politica”, a questo punto intimiditi da cosa scriviamo e sopratutto contro chi. A gente come Travaglio o Santoro dovrebbero dare l’ergastolo avendo perennemente “urlato” contro il governo. Non sto parlando di destra o sinistra, sto parlando di libertà di stampa, quella tanto invocata, tanto desiderata quando non c’era e oggi minata dagli stessi “liberatori”. Se stampa deve essere stampa sia, se poi non piace non si compra o non si ascolta. Non piace emilio Fede? Santoro? Travaglio? Fazio? non si guardano. Punto. Vogliamo parlare delle parole di Fini? Vogliamo parlare di Renzi? Parliamo del popolo invece che non si vergogna di fare la fila per un telefono da 600 euri quando ha le pezze al culo. E da un popolo così che politica ti aspetti? Il mio più grande sogno e di vedere il 90% degli aventi diritto al voto annullare la propria scheda, di mandare di fatto a casa tutti i ladroni della politica, di azzerargli il potere. Ma come fai quando ancora, parlando con le persone sperano che quel politico di turno possa cambiare. Come fai quando il collega di fronte vota ancora l’ideologia. Sarebbe come se un partito pacifista fosse rappresentato da un guerrafondaio. Io rimango pacifista ma non posso essere rappresentato certo da un guerrafondaio. Ma c’è ancora parte del popolo che la pensa così. A Firenze in 100 mila hanno votato Renzi e oggi quegli stessi lo rinnegano. “Eh ma non si pensava fosse diverso….” L’ignoranza è una brutta bestia. Ancor’oggi c’è chi crede in Berlusconi dopo quello che non ha fatto. C’è chi invoca il Monti bis… Ettecredo!!!! Un professore al servizio della politica la quale si nasconde dietro di lui per continuare a tramare e riscuotere. Il popolo può decretare la fine di tutto questo, ma domenica c’è la partita su Sky e ho appena acquistato il mio nuovo telefonino. Di cosa devo scrivere Frank, dammi un tema, chiedimi un opinione perchè io ho veramente finito le idee.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*