«

»

Lug
31

« Il nulla della casta »

M


entre l’attenzione è tutta rivolta alle faccende del cainano, il governicchio del largo inciucio sta facendo sparire il carcere preventivo anche per abuso d’ufficio, favoreggiamento e finanziamento illecito ai partiti.
Addirittura un emendamento del Pdl propone di depenalizzare il finanziamento illecito, sostituendo il carcere con una sanzione amministrativa pecuniaria, praticamente un semplice buffetto invece di interdire a vita chi lo riceve.
Praticamente il vulnus ruota tutto sul finanziamento ai partiti, cercando la formula che risolva lo schifo perpetrato da anni di sottrazione di denaro pubblico, usato anche a fini personali e ne abbiamo visti di casi eclatanti.
Andrebbe riformato il tetto del rimborso elettivo, sulle effettive spese sostenute, non x euro a voto, la gestione del partito e/o movimento deve essere effettuata con i fondi dei tesserati e di donativi, non deducibili, il tutto ampiamente documentato per avere la massima trasparenza.
Ma per fare qualcosa di onesto, bisogna metter mano al conflitto d’interessi, onde evitare chi ha giornali e televisioni abbia una posizione dominante, come è già accaduto e sta accadendo ; il partito aziendale del padrone che grazie ala legge porcata nomina d’ufficio i suoi peones.
Sarà ben dura, vedere che questo governo, riesca fare delle riforme profonde per riparare ai guasti perpetrati in questi decenni ; non dimenticando che il governo è ostaggio di una sentenza di Cassazione, ergo chissà se dura.

Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*