BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Feb
28

Il salario della speranza di Moisè Asta


ORA DI PUNTA


A provare che nell’Euro-zona “mala tempora currunt” ci ha pensato l’Eurostat con il suo rapporto “Labour market statistics” che, muovendo dagli ultimi dati disponibili (relativi al 2009), ha fatto il punto sul salario di un lavoratore dipendente e sull’andamento degli aumenti retributivi, pervenendo a conclusioni che, anche da oltreoceano, il ministro del Lavoro,Elsa Fornero, ha fatto proprie, senza però un cenno a ciò che conta di fare – possibilmente in fretta – per rimuovere una situazione non più sostenibile. Questo, a un di presso, il suo discorso: nel nostro Paese i salari sono troppo bassi mentre, facendo un’onesta comparazione, ci si accorge di un costo del lavoro piuttosto elevato, tal che ne viene fuori una situazione difficile, complicata, da sradicare soprattutto aumentando la produttività.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*