BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Set
23

Il senato 2.0 di Renzi : una boiata pazzesca …

Roma Aeterna

Il senato dei Mos maiorum

P


Iù si legge di questa riforma del Senato, più si sente il fetore di qualcosa sgradevole, invece di eliminarlo del tutto o ridurlo drasticamente ma eletto; ci ritroviamo con 74 consiglieri regionali eletti dagli elettori, mentre 21 sindaci avranno la loro seconda poltrona.
Ma non solo, i fortunati avranno le guarentigie degli onorevoli: non potranno essere perquisiti, intercettati e arrestati senza autorizzazione di Palazzo Madama; e per il cittadino comune non capisce perché concedere questo privilegio che dovrebbe essere tolto a tutti.
La boiata pazzesca, è che viene calpestata completamente la disposizione con cui nel 1957 il legislatore aveva disposto l’incompatibilità tra le cariche di sindaco (sopra i 20mila abitanti) e di parlamentare, un ulteriore riprova che la casta “amministra ed amminestra” a suo piacimento, non certo per il paese.
Premesso che per decenni i partiti se ne sono altamente strafregati, concedendo la doppia poltrona senza alcun ritegno, aumentando i costi della spesa pubblica, non solo ma concedendo ai fortunati d’essere al disopra di ogni cittadino ergo il famoso “onorevole”.
Il loro operato è a briglia sciolta, grazie all’immunità parlamentare, quindi continueranno, non si sa bene come, la loro attività di sindaco nel contempo verranno in vacanza nel Senato; tutto questo grazie ad una legge dello Stato costituzionale.
Verrebbe da dire un celebra frase di Cicerone: “Quousque tandem abutere, Renzi, patientia nostra di elettori”; sperare nell’opposizione e come credere che gli asini volano; tante parole ma pochi fatti.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*