BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Gen
22

« Il vangelo dei messia della politica »

N


ella storia dell’umanità ne abbiamo visti diversi, dalla religione cristiana che poi fece una brutta fine, a quella musulmana, mentre per quella ebraica deve ancora venire per legittimo impedimento.
Nei periodi elettorali in Italia, ne abbiamo a vagonate, c’è solo l’imbarazzo della scelta ; ognuno con la sua aurea di salvatore delle umane genti e risollevatore degli spirti affranti dalla recessione.
Il campione indiscusso, che da decenni promette mirabilia, è l’unto d’Arcore che come Lazzaro è risorto mummificato dal suo sacello ; per completare il suo lavoro, tipo dieci piaghe d’Egitto, sui poveri italiani.
Dalle parte dei cispadani c’è il druido scopatore, che dopo aver nascosto sotto il tappeto verde ramarro, le note vicissitudini, adesso ‘erge ha paladino del Nord per portarlo a grandi fasti e guida illuminata del resto del paese. silvio-berlusconi-gesu
Poi abbiamo l’usato sicuro messianico, che in fondo in fondo come cerusico qualche ricetta buona la trova ; ma purtroppo deve sempre discuterne con la conventicola, ed il povero paziente resta nei miasmi della fetida malattia politica che lo aggrava da anni.
Poi abbiamo l’emulo di quello che cammino sulle acque, ma per problemi tecnici a preferito farlo a nuoto, scorrazzando per l’italico suolo paventando sciagure e disastri a chi non seguirà il suo verbo, viste le sue asserzioni nelle piazze, si è in trepida attesa di una sua marcia su Roma visto lo stile.
Come non parlare dell’ascetico e sobrio professore, che assaggiato il dolce della politica, s’è subito calato nei panni del messia rinnovatore e salvatore ; solo che non è proprio la sua parte specifica ; verrebbe in menter il detto ciceroniano : “ Ne sutor ultra crepidam” cioè : “Che il calzolaio non giudichi oltre la scarpa”.
Poi, via via tutti gli altri, che dal monte degli ulivi mediatico ogni santo giorno spargono la loro lieta novella, in ogni recesso cibernetico fanno sentire i loro afflati ; è una questione di sopravvivenza se non vogliono tornare nuovamente nel mondo dei “trombati”.
Davanti a questa folla eterogenea di messia,e dei loro vangeli politici, c’è da diventare atei se non agnostici.

OkNotizie

Media 4.25 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*