BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Apr
22

« La fine annunciata di un partito »

C


he il PD fosse in ambasce ed attraversato da forti conflitti interni lo si sapeva dal tempo delle famose primarie, un lento disgregarsi sino alle elezioni politiche vinte alla Camera per pochi spicci, ma in netta minoranza al Senato.
Il vantaggio acquisito sul Pdl, vaporizzato dalla solita frenesia tafazziana di occhettiana memoria con la “gioiosa macchina da guerra” ; come la superbia partiti a cavallo e tornati a piedi ed era solo l’inizio.
Il pietoso tentativo di fare un governo, è stato l’inizio della fine, andare a Canossa dal Pdl per rifare le grandi intese e prendere una solenne fregatura, oppure a piatire dai discepoli dell’Illuminato perdendo ogni dignità. pd_affonda L’epilogo s’è visto, oltre quaranta giorni di traccheggiamenti senza nulla concludere, per poi rinviare il tutto al dopo elezioni del nuovo Presidente della Repubblica ; e da qui iniziano le “buffonarie” che porteranno alla fine ingloriosa del PD.
Senza ripercorrere tutte le fasi, la sintesi è stata quella dei soliti giochi da vecchia gerontocrazia politica, personaggi gettati nella mischia per sparigliare gli schieramenti ; tentativi di far credere nella scelta di un personaggio d’alta levatura che aggregasse tutte le componenti politiche.
Ma di outsider esterni non ce ne erano, solo nelle cariatidi del sistema si poteva trovare qualcosa, ed ecco iniziare il balletto col Marini, Rodotà ,Prodi ed altri candidati che hanno fatto solo presenza; ma l’epilogo era tutto da scrivere.
Gli starnazzanti del M5S, per partito preso, s’arroccavano sul nominativo di Rodotà difendendolo a spada tratta ; ma forse dimentichi che Il Presidente della Repubblica ancora non è eletto direttamente dal popolo ; ne tantomeno da un imprecisato numero di soggetti su Internet.
Ma quello che non si è visto s’è largamente immaginato, l’obbligata processione al pensionato Napolitano per un rinnovo di mandato, l’unico a quanto trapela di forte gradimento del patonza d’Arcore ; che ha goduto come un riccio alla sua nomina, per gli altri una triste pezza di rattoppo istituzionale.
Ed ecco che il buon Presidente Napolitano, deve restare al colle per rappezzare gli strappi tra i vari partiti, creare un governo dalle forme sconosciute ma con personaggi ben noti, i massimi rappresentanti della casta, e ci sarà da ridere come si ripartiranno i ministeri.
Una nota di colore c’è stata nel vedere il berciante Illuminato, gridare con la bava alla bocca che era in atto un golpe ; invitando tutti gli adepti del movimento ad una novella marcia su Roma , e sui network centinaia di messaggi ; tra i tanti : E’ in atto un colpo di Stato senza precedenti. Questa sera tutti in piazza Montecitorio! … #Tutt’InRoma (Twitter).
Ma s’è ben guardato d’arrivare, rinviando all’indomani, con melliflui messaggi di stare calmi e fare civilmente le loro rimostranze, almeno su questo è stato ascoltato ; i seguaci hanno solo fatto cori da stadio o grida belluine contro tutto e tutti.
Ormai i liquefatto PD era alla resa dei conti interna tra dimissioni, prossimo congresso ed una forte contestazione dei suoi elettori ; quello che doveva essere un catalizzatore tra la sinistra del vecchio Pci ed il centrosinistra, si è rivelato per essere un intruglio politico impresentabile per le sue profonde contraddizioni.
Come ha scritto Giuseppe Pennisi, su Formiche, un vera e propria lapide politica : “ Lo sconfitto è il Pd, pur “miglior perdente” alle elezioni e con un numero di deputati (grazie al ‘Porcellum’) non commensurato alla sua forza elettorale, ed ormai avviato verso la scissione ove non verso la frammentazione tra le sue diverse ‘anime’ e tra i suoi profondi contrasti generazionali”.
Del famoso rinnovamento, se n’è persa traccia, e c’è da chiedersi perché siamo andati a votare, tanto c’è rimasto nel bene o nel male il vecchio Presidente, e per governo avremo la summa inciuciatoria tra PD e Pdl ; e come al solito gli elettori stanno a guardare.

Media 4.33 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*