«

»

Lug
21

La fontana delle tartarughe

marazico01-framed


Me scordo sempre come ce se arriva
persa com’è fra i vicoli der ghetto.
L’altra mattina la città dormiva
– Vojo proprio passacce – me so’ detto.
M’ero smarrito ancora, ma a la fine
ce so’ sbucato avanti tutt’a ‘n tratto,
e ner vede’ quelle tartarughine
me so’ incantato ancora stupefatto.
Lontano rintoccava ‘na campana,
l’acqua cantava e nun c’avevo fretta,
ho fatto un giro attorno a la fontana
e me so’ acceso ‘n’altra sigaretta.
Questa città nun je la fo ad odialla,
pure se spesso ho voja de lascialla.
Roma è ‘n’infame e sa quer che me piace,
me fa arrabbia’, ma famo sempre pace.

Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*