BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Gen
21

LA PAGELLA di MARINA NERI

In ricordo del ragazzino migrante morto nel mare Egeo, che portava con sé la sua pagella.


Non so se ti chiami Cristo, Yahweh oppure Allah,
so solo che, come hai voluto e scritto,
io oggi sono qua.

Sono partito,
in Te ho creduto,
ho navigato,
ho lottato,
ero sfinito,
sono annegato.

Dimmi se ha un senso per me essere qua
cosa ci vedi o Dio
in questo mio aldilà.

Acqua ricopre il corpo e poi pure la mente,
acqua sognai nelle mie arsure…
acqua chiesi nel deserto delle mie paure.
Acqua son diventato…Domani sarò niente,
forse tenue ricordo nel cuore della gente.

Forse se c’è un senso già
anche se non capisco,
tu che sei Dio spiegamelo per pietà,
dimmi che non è delitto
questo colore qua.

Adesso tu mi vedi
e ti vedo anch’io
perdonami se puoi
se con rabbia ti parlo io.

E quali colpe avevo per stare li coi pesci
Io ti ho pregato tanto e tu oggi mi tradisci.

Perdonami mio Dio,
volevo cambiare il mondo
non mi aspettavo io
di dormire in questo mare profondo.

Una pagella avevo, la mia eredità,
ma non mi serve un voto
adesso che son qua.

Un voto serve al mondo
per la malvagità
uccide tutti i sogni,
li annega, piange un giorno e poi beve il vino dell’ignavia senza pietà.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*