«

»

Mar
03

« La perdita dei Mos Maiorum »

A


Il mos maiorum[1] (latino per “costume degli antenati”) è il nucleo della morale tradizionale della civiltà romana.[2] Per una società patriarcale come quella romana le tradizioni sono il fondamento dell’etica; esse comprendono innanzitutto il senso civico, la pietas, il valore militare, l’austerità dei comportamenti e il rispetto delle leggi. Il mos maiorum, fondendosi all’insieme di valori acquisiti in seguito all’ellenizzazione della cultura latina, darà vita alla”humanitas. [fonte wikipedia].
Del fatto inquietante ed angoscioso accaduto a Ventimiglia, due minorenni per pochi euro, seguendo l’onda mediatica dei facili guadagni ed inspirandosi al caso di Roma delle Baby squillo ; avventatamente ne seguivano le orme.
Le due studentesse della provincia di Imperia di 14 e i 15 anni si prostituivano, nella zona di Ventimiglia, per “integrare” la paghetta ; il malessere del consumismo e dell’avere tutto e subito porta a queste derive.
Nei social network, la notizia ha avuto il suo clamore, in particolare mi ha colpito una conversazione cibernetica :
«Non s’erano mai viste cose simili, in tanti secoli di miseria e schiavitù. S’era venduto di tutto, sempre, ma non mai i bambini». (Curzio Malaparte, “La Pelle”)
Rispondevano :
«Malaparte ha torto. Nell’epistolario di Flaubert, c’è una lettera scritta da Napoli di ritorno dal suo viaggio in Medio Oriente, dove lo scrittore normanno scrive a un amico: “Mi sono state offerte bambine di 10 anni, ho rifiutato…”Naples : « La quantité de maquereaux qu’il y a ici est chose plaisante. On m’a proposé des petites filles de dix ans, oui monsieur, des enfants en bas âge, dont les nourrices sont sans doute en même temps les maquerelles. On m’a même proposé des mômes, ô mon ami. Mais j’ai refusé » (à Camille Rogier, 11 mars 1851). Storia vecchia quella di Napoli, come di tutti i luoghi in cui la natura vince sulla storia (Anna Maria Ortese).http://argoul.com/category/livres/gustave-flaubert/»
Sta di fatto, che ormai viviamo in un epoca di cui l’austerità dei comportamenti è un optional, l’essere di buona famiglia o che i genitori partecipano all’attività
di meretricio, fanno vedere a che punto ci sia la degradazione dell’essere umano.
Giusto una riflessione, vista la natura del reato della prostituzione minorile, il reato prevede pene da 2 a 5 anni, con l’eventuale l’aggravante che gli atti sessuali sono stati compiuti con persone minori di 16 anni.
Vista la manica larga della giustizia, sia della pena che della sua certezza, un riforma non ad personam ma per l’intera società, prendendo in esempi la In Thailandia il reato prevede ben sei anni nei loro lussuosi hotel senza sconti, bene in Italia per dare un esempio alla tutela della minore età, la pena dovrebbe essere minimo 20 anni senza sconto alcuno di cui dieci d’assoluto isolamento.
Forse farebbe riflettere quella feccia dedita a tanta bassezza.

Media 4.33 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*